Prima & Seconda Categoria – Le decisioni del Giudice Sportivo

GARE DEL 23/ 4/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
ATLETICO CERVARO 2014 – PIGLIO AFFILE
Il Giudice Sportivo
– Esaminati gli atti ufficiali relativi alla gara in epigrafe
RILEVA
– Al 33′ del primo tempo l’arbitro espelleva il calciatore MATRUNDOLA Cristian (ATLETICO CERVARO) per
doppia ammonizione. Alla notifica del provvedimento disciplinare correva verso il direttore di gara
minacciandolo. Veniva allontanato dai propri compagni di squadra.
Prima di uscire dal terreno di gioco rivolgeva all’arbitro espressioni offensive e minacciose. Alla fine del
primo tempo, reiterava altre offese all’arbitro e lo colpiva con un pugno sul braccio causandogli dolore e
rossore, quindi lo spingeva impedendogli di fare rientro nello spogliatoio.
– Alla fine del primo tempo l’allenatore della società ATLETICO CERVARO 2014 SCAGLIARINI Massimo
metteva le mani sul petto dell’arbitro minacciandolo.
– Alla fine del primo tempo, mentre l’arbitro faceva rientro negli spogliatoi, persone non identificate,
riconducibili alla società ATELTICO CERVARO 2014 lo spintonava. In tale frangente i calciatori IZZO Mattia
e FERDINANDI Roberto (ATLETICO CERVARO 2014) rivolgevano all’arbitro espressioni offensive.
– Nella zona degli spogliatoio, alla fine del primo tempo numerosi estranei accerchiavano l’arbitro
spintonandolo e lo attingevano con uno sputo al piede, fra questi, un individuo qualificatosi Presidente della
società lo colpiva di striscio con una testata ad un labbro causandogli trauma del labbro superiore e stato di
ansia come da verbale da Pronto Soccorso Ospedaliero di Velletri (guaribile in gg. 5s.c.)
– Inoltre all’aggressione all’arbitro partecipavano i calciatori VENTURINI Emiliano, CANALE PAROLA Matteo
della società ATLETICO CERVARO 2014, il Sig. MANETTA Francesco della stessa società spintonava
l’arbitro sulla porta dello spogliatoio e lo colpiva con un pugno sull’avambraccio provocandogli dolore
L’arbitro, a tutela della propria incolumità, chiedeva l’intervento della Forza Pubblica che lo scortava
all’uscita dell’impianto sportivo, pertanto a causa delle aggressioni subite, decideva di sospendere la gara al
45′ del primo tempo sul risultato: ATLETICO CERVARO 2014 – PIGLIO AFFILE 0 – 1
– Una volta rientrato nel proprio spogliatoio, l’arbitro riscontrava il proprio telefonino danneggiato ed il
borsone gettato per terra.
– In considerazione a quanto sopra, l’anticipata conclusione della gara va ascritta alla società ATLETICO
CERVARO 2014
– In virtù all’art. 17 comma 1 del CGS
DELIBERA
a) Di infliggere alla società ATLETICO CERVARO 2014 la punizione sportiva della perdita della gara con il
punteggio di 0 – 3 nonché l’ammenda di euro 500,00 e il risarcimento dei danni subiti all’arbitro.
b) Di squalificare il Sig. SCAGLIARINI Massimi allenatore (ATLETICO CERVARO 2014) per 4 gare effettive
c) Di squalificare i seguenti calciatori della società
ATLETICO CERVARO 2014:
MATRUNDOLA Cristian 31.03.2018 (sanzione così determinata in considerazione della sosta estiva dei
campionati) Sanzioni da considerare ai fini dell’applicazione delle misure amministrative disposte dalla FIGC
con il C.U. 104 DEL 17.12.2014
MANETTA Francesco 31.12.2017
FERDINANDI Roberto – IZZO Mattia – VENTURINI Emiliano e CANALE PAROLA Matteo per due gare
effettive

MONTALTO – VELKA TARQUINIA CALCIO
Preso atto che la gara in epigrafe non è stata disputata per assenza della Società VELKA TARQUINIA
CALCIO.
Rilevato che la stessa non ha fatto pervenire alcuna giustificazione in merito, e pertanto ai sensi di quanto
disposto nel C.U. del 1.7.2016 deve ritenersi rinunciataria a tutti gli effetti;
Visto l’art.17 comma 1 del C.G.S e l’art 53 comma 2 e 7 delle NOIF
DECIDE
a) di infliggere alla Società VELKA TARQUINIA CALCIO la punizione sportiva della perdita della gara con il
punteggio di 0-3, nonchè la penalizzazione di un punto in classifica;
b) di comminare alla stessa l’ammenda di Euro 150,00 ( nº1 rinuncia )

PREANNUNCIO DI RECLAMO
ALBERONE CALCIO – ROCCA PRIORA CALCIO
Preso atto del preannuncio di reclamo da parte della Società A.S.D.ALBERONE CALCIO si soprassiede ad
ogni decisione in merito. Nel relativo paragrafo, di seguito, si riportano i provvedimenti disciplinari assunti a
carico di tesserati per quanto in atti.
CAMPIONATO Seconda categoria
GARE DEL 22/ 4/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
CIVITA CASTELLANA – SPORTING SACROFANO
Il Giudice Sportivo
Esaminati gli atti relativi ufficiali della gara in epigrafe si rileva quanto segue:
– Al 15′ del secondo tempo veniva allontanato il dirigente BALLONI Fabrizio (SPORTING SACROFANO)
perché usciva dall’area tecnica per protestare nei confronti dell’arbitro. Alla notifica del provvedimento
disciplinare lanciava contro la panchina una borraccia d’acqua.
– Al 33′ del secondo tempo, veniva ammonito il calciatore n. 2 KOLJAN Dhimitri (CIVITA CASTELLANA) per
proteste nei confronti dell’arbitro, alla notifica del provvedimento disciplinare con atteggiamento intimidatorio
gli rivolgeva espressione offensiva tentava di colpirlo con un pugno, veniva prontamente bloccato e
allontanato da un compagno di squadra.
– L’arbitro veniva accerchiato da alcuni calciatori dello CIVITA CASTELLANA e nell’occasione espelleva il
capitano n. 9 CARLONI Carlo per espressioni irriguardose, nella circostanza l’arbitro subiva vari spintoni,
individuava il n. 3 PELIN Adrian (CIVITA CASTELLANA) che lo offendeva, il n. 4 SCIARRINI Marco (CIVITA
CASTELLANA) che gli rivolgeva espressioni offensive, il n. 8 CRISTOFARI Michele (CIVITA CASTELLANA)
che lo colpiva con un pugno su un fianco e un pugno al torace.
– L’arbitro, non essendo più in condizione psico-fisiche per proseguire la gara decideva di sospenderla
definitivamente al 33′ del secondo tempo sul risultato di 1 – 1. Per tutelare la propria incolumità decideva di
non notificare le espulsioni sopra citate.
– L’arbitro mentre cercava di abbandonare il terreno di gioco, veniva colpito con un calcio alla caviglia e a un
piede dal n. 10 MANDRO Leart (CIVITA CASTELLANA).
– Nessun dirigente interveniva ad assistere l’arbitro, che, a fatica raggiungeva il proprio spogliatoio dove
notava segni di contusioni sulla pancia, sul fianco e una ferita sul malleolo con gonfiore il tutto
accompagnato da bruciore e dolore intenso.
– In tale frangente, alcuni tesserati non identificati dello SPORTING SACROFANO colpivano con pugni la
porta dello spogliatoio arbitrale – L’arbitro abbandonava l’impianto sportivo con l’aiuto della Forza Pubblica e
raggiungeva il pronto soccorso dell’ospedale Santo Spirito che rilasciava certificato medico allegato con una
prognosi di gg. 4 s.c.
– Tanto premesso, considerato che la mancata regolare conclusione della gara in oggetto è da addebitarsi
alla società CIVITA CASTELLANA.
Visto l’art. 17 comma 4 del CGS
SI DECIDE
a) Di irrogare alla società CIVITA CASTELLANA la punizione sportiva della perdita della gara con il
punteggio di 0 – 3, nonché l’ammenda di euro 150,00
b) Di inibire il dirigente BALLONI Fabrizio (SPORTING SACROFANO) fino al 19/05/2017
c) Di squalificare i sottoelencato calciatori come di seguito specificato:
CIVITA CASTELLANA
CRISTOFARI Michele fino al 31.12.2018
MANDRO Laert fino al 30.06.2018
Sanzione da considerare ai fini dell’applicazione delle misure amministrative disposte dalla FIGC con il C.U.
N. 104 del 17.12.2014.
DIMITRI Koltan 3 gare effettive
PELIN Adrian 2 gare effettive
SCIARRINI Marco 2 gare effettive
CARLONI Carlo 1 gara effettiva

GARE DEL 23/ 4/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
NUOVA POLISPORTIVA AGOSTA – COLLE SALARIO
Il Giudice Sportivo
– Esaminati gli atti ufficiali relativi alla gara di cui in epigrafe
RILEVA
– Al 36′ del secondo tempo l’arbitro espelleva per reciproche scorrettezze i calciatori DI CARMINE Marco
(COLLE SALARIO) e PUGLIANIELLO Luca (NUOVA POL. AGOSTA)
– A seguito di tale episodio nasceva una zuffa sulla tribuna
– In tale frangente i calciatori ELQUARANI Joussef
– VITALI Gabriele e CAPPA Pierpaolo (COLLE SALARIO) tentavano di scavalcare la rete di recinzione per
partecipare alla zuffa in atto sugli spalti. In particolare il Sig. VITALI Gabriele (COLLE SALARIO) colpiva con
un pugno al volto un avversario RENZETTI Francesco (NUOVA POL. AGOSTA) provocandone la reazione.
– Al 9′ del secondo tempo, l’arbitro espelleva il calciatore MUSCUSO Alessio (COLLE SALARIO) per
scorrettezze nei confronti di un avversario.
– L’arbitro, vista la situazione non notificava l’espulsione ai succitati calciatori ed essendo la società COLLE
SALARIO rimasta in campo con un numero di giocatori inferiore al minimo stabilito dalle norme vigenti
sospendeva definitivamente la gara al 36′ del secondo tempo sul seguente punteggio: NUOVA
POLISPORTIVA AGOSTA – COLLE SALARIO 0 – 1.
– Considerato quanto sopra, l’anticipata conclusione della gara va attribuita alla società COLLE SALARIO.
– In virtù all’art. 17 comma 1 del CGS
DELIBERA
a) Di infliggere alla società COLLE SALARIO la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di
0 – 3 nonché l’ammenda di euro 100,00, perché propri tesserati non identificati danneggiavano la struttura
igienica dello spogliatoio loro riservato. Si fa obbligo di risarcire i danni se richiesti e documentati.
b) Di squalificare i seguenti calciatori:
NUOVA POLISPORTIVA AGOSTA
PUGLIANELLO Luca – RENZETTI Francesco per una gara effettiva
COLLE SALARIO
VITALI Gabriele per due gare effettive
MUSCUSO Alessio – DI CARMINE Marco – ELQUARANI Joussef – CAPPA Pierpaolo per una gara effettiva.

PREANNUNCIO DI RECLAMO
MAGLIANO ROMANO CALCIO – BARBARANO ROMANO
Preso atto del preannuncio di reclamo da parte della Società A.S.D. BARBARANO ROMANO si soprassiede
ad ogni decisione in merito. Nel relativo paragrafo, di seguito, si riportano i provvedimenti disciplinari assunti
a carico di tesserati per quanto in atti.
CAMPIONATO REGIONALE JUNIORES B
GARE DEL 22/ 4/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
PESCATORI OSTIA – COMPAGNIA PORTUALE CV2005
Il Giudice Sportivo
esaminati gli atti ufficiali
RILEVA:
– Al 22′ del secondo tempo l’arbitro espelleva i calciatori IONITA George (COMPAGNIA PORTUALE
CV2005) e RUGGIERO Alessandro (PESCATORI OSTIA) per reciproche scorrettezze.
– A seguito di tale episodio, nasceva una zuffa che coinvolgeva tutti i tesserati di entrambe le squadre che
reciprocamente si colpivano con violenti pugni e calci provocando visibili danni fisici alle persone.
– Nella circostanza entravano sul terreno di gioco alcuni spettatori che partecipavano alla zuffa.
– Fra i facinorosi si distinguevano i calciatori MANCINI Edoardo (PESCATORI OSTIA) e MARRI Nikolas
(COMPAGNIA PORTUALE CV2005) ed il calciatore MARECH Manuel (PESCATORI OSTIA)
– L’arbitro, considerata la situazione non gestibile, sospendeva definitivamente la gara al 22’del secondo
tempo sul seguente punteggio: PESCATORI OSTIA – COMPAGNIA PORTUALE CV2005 2 – 0
– La situazione dopo circa 10 minuti tornava normale grazie all’intervento della Forza Pubblica che redigeva
verbali ed identificava i tesserati partecipanti alla zuffa.
– Considerato che la responsabilità della anticipata sospensione della gara debba essere attribuita ad
entrambe le società ai sensi dell’art. 17 comma 2 del CGS
DELIBERA
a) Di infliggere alla società PESCATORI OSTIA e COMPAGNIA PORTUALECV2005 la punizione sportiva
della perdita della gara con il punteggio di 0 – 3 nonché l’ammenda di euro 150,00 per entrambe
b) Di squalificare i sottoelencati calciatori PESCATORI OSTIA MANCINI Edoardo – REGGIANI Alessandro –
MARECH Manuel per due gare effettive COMPAGNIA PORTUALE CV2005 IONITA George – MARRI
Nikolas per due gare effettive

VIS AURELIA S.R.L. – OLIMPIA
Preso atto che la gara in epigrafe non è stata disputata per assenza della società OLIMPIA. Rilevato che la
stessa non ha fatto pervenire alcuna giustificazione in merito, e pertanto, ai sensi di quanto disposto nel CU
n. 1 del 05.07.2016 deve ritenersi rinunciataria a tutti gli effetti;
Visto l’art. 17 comma 1 del CGS e l’art. 53 comma 2 e 7 delle NOIF
DECIDE
a) di infliggere alla società OLIMPIA la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0 – 3
nonchè la penalizzazione di un punto in classifica;
b) di comminare alla stessa l’ammenda di euro 150,00 (1º rinuncia)

CAMPIONATO JUNIORES SPERIMENT. PRIMAVERA
GARE DEL 22/ 4/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
AUDACE – CASTEL MADAMA
Preso atto che la gara in epigrafe non è stata disputata per assenza della società CASTEL MADAMA.
Rilevato che la stessa non ha fatto pervenire alcuna giustificazione in merito, e pertanto ai sensi di quanto
disposto nel C.U. 1 del 05.07.2016 deve ritenersi rinunciataria a tutti gli effetti;
Visto l’art. comma 1 del CGS e l’art. 53 comma 2 e 7 delle NOIF
DECIDE
a) di infliggere alla società CASTEL MADAMA la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio
di 0 – 3 nonchè la penalizzazione di un punto in classifica;
b) di comminare alla stessa l’ammenda di euro 150,00 (1º rinuncia)
TORNEO ALLIEVI REGIONALI FASCIA B
GARE DEL 18/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
ATLETICO VESCOVIO – VIRTUS CAMPAGNANO
Sciogliendo la riserva di cui al C.U. nº 190 del 23/03/2017.
Esaminato il reclamo fatto pervenire, a seguito di tempestivo preannuncio, dalla Società VIRTUS
CAMPAGNANO relativo alla mancata disputa della gara di cui in epigrafe.
La reclamante pone in evidenza che non è stata in grado di raggiungere la località di Roma Piazza Flaminio
sede dell’incontro per, un guasto meccanico del mezzo, a tale riguardo trasmette fattura di soccorso stradale
di un’azienda di Campagnano di Roma nella quale viene evidenziato che il giorno 18/3/2017 effettuava
intervento su un mezzo in avaria.
Per l’effetto chiede il riconoscimento dell’istituto della causa di forza maggiore e quindi il recupero della gara
oggetto del presente ricorso. Questo Organo Giudicante, esaminata la documentazione la ritiene non
idonea.
Accertato quindi che non possono essere prese in considerazione le doglianze avanzate dalla Società
VIRTUS CAMPAGNANO.
DELIBERA
– di respingere il ricorso presentato dalla Società VIRTUS CAMPAGNANO
– di infliggere alla Società VIRTUS CAMPAGNANO la punizione sportiva della perdita della gara con il
punteggio di 0 – 3 nonchè la penalizzazione di un punto in classifica e l’ammenda di Euro 150 (1º rinuncia).
La tassa reclamo va addebitata.

CP FROSINONE

COPPA PROVINCIA FROSINONE C5 MASCHILE “D”

GARE DEL 22/ 4/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
Gara: LEGIO SORA C5 – RIPI 1966
La società ASD RIPI 1966 ha trasmesso preannuncio di reclamo relativamente alla gara in epigrafe, ma non ha fatto pervenire reclamo nel termine abbreviato (entro le ore 12.00 del secondo giorno successivo alla gara) stabilito per le gare di Coppa Provincia nella delibera del Presidente Federale pubblicata nel Comunicato Ufficiale FIGC n.415/A del 07.06.2016, allegata al Comunicato Ufficiale LND Delegazione Provinciale di Frosinone n.10 del 04.11.2016.
Tanto premesso,
SI DECIDE
– di dichiarare inammissibile il reclamo;
– di convalidare il risultato della gara conclusasi con il seguente punteggio:
LEGIO SORA C5 – RIPI 1966 7-1.
La tassa di reclamo va addebitata.

CP ROMA

JUNIORES PROVINCIALE ROMA
GARE DEL 22/ 4/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
ROMA OTTO TORRE MAURA – CAVESE 1919
Visti gli atti ufficiali, rilevato che la gara in epigrafe non è stata disputata per mancata presentazione della
Società CAVESE 1919
– osservato che la Società predetta non ha preannunciato nè fatto pervenire giustificazioni in merito, per cui
si è da considerarsi rinunciataria a tutti gli effetti;
Visto l’art. 53 delle NOIF
SI DECIDE
a) di infliggere alla Società CAVESE 1919 la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-
3 nonchè la penalizzazione di un punto in classifica;
b) di comminare alla stessa l’ammenda di Euro 150,00 (1 rinuncia)

ALLIEVI PROV.ROMA FASCIA “B”
GARE DEL 23/ 4/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
CVN CASAL BERNOCCHI – D.PINO PUGLISI NETTUNO
Visti gli atti ufficiali, rilevato che la gara in epigrafe non è stata disputata per mancata presentazione della
Società D.PINO PUGLISI NETTUNO II
– osservato che la Società predetta non ha preannunciato nè fatto pervenire giustificazioni in merito, per cui
si è da considerarsi rinunciataria a tutti gli effetti;
Visto l’art. 53 delle NOIF
SI DECIDE
a) di infliggere alla Società D.PINO PUGLISI NETTUNO II la punizione sportiva della perdita della gara con il
punteggio di 0-3 nonchè la penalizzazione di un punto in classifica;
b) di comminare alla stessa l’ammenda di Euro 25,00 (1 rinuncia)

CP VITERBO

Campionato Juniores – Under 18
GARE DEL 22/04/2017
GARE SOSPESE O NON DISPUTATE
VIRTUS PILASTRO – CASTEL S.ELIA L.GRAZIOSI

Visti gli atti ufficiali,
– rilevato che la gara in epigrafe non è stata disputata per mancata presentazione della Società CASTEL S.ELIA L.GRAZIOSI; – osservato che la Società predetta non ha preannunciato né fatto pervenire giustificazioni in merito, per cui è da considerarsi rinunciataria a tutti gli effetti.
Visto l’art. 17 comma 1 del CGS e l’art. 53 comma 2 e 7 delle NOIF
DECIDE
a) di infliggere alla Società CASTEL S.ELIA L.GRAZIOSI la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0 – 3 nonché la penalizzazione di un punto in classifica;
b) di comminare alla stessa l’ammenda di € 300,00 (2a rinuncia).

Campionato Giovanissimi
GARE DEL 22/04/2017
RECLAMI
POLISPORTIVA MONTI CIMINI – BLERA

Il Giudice Sportivo,
– visto il reclamo fatto pervenire dalla Società Pol. Monti Cimini, seguendo la regolare procedura, con il quale si deduce l’irregolare partecipazione alla gara in epigrafe del calciatore Cammarota Domenicoantonio e la memoria difensiva presentata tempestivamente dalla società Blera;
– considerato che il calciatore sopraelencato è risultato essere in posizione irregolare, partecipando senza titolo alla gara di cui in epigrafe non avendo ancora scontato la squalifica conseguente alla somma di ammonizioni così come da comunicato n. 103 del 21/04/2017.
– Considerato l’art. 2 Com. 3 del C.G.S.;
– ritenuto fondato il reclamo di cui sopra alla luce del combinato disposto degli Artt. 17 Com.5º lett. a), 22 Com. 2º e 45 Com.2º del C.G.S.;
DECIDE
a) di accogliere il reclamo proposto dalla Società Pol. Monti Cimini;
b) di infliggere alla Società Blera la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3;
c) di comminare alla Società Blera l’ammenda di € 25,00;
d) di squalificare per una ulteriore giornata il calciatore Cammarota Domenicoantonio della Società Blera;
e) di inibire fino al 12/05/2017 il dirigente accompagnatore Carelli Luigi della Società Blera;
La tassa reclamo va restituita
Nel relativo paragrafo si riportano le sanzioni relative agli altri tesserati per quanto in atti.
PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

Lascia un commento