Prima & Seconda Categoria – Le decisioni del Giudice Sportivo

CAMPIONATO Prima categoria
GARE DEL 5/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
LICENZA – ATLETICO KICK OFF
Il Giudice Sportivo
– Sciogliendo la riserva di cui al C.U. n. 302 del 09.03.2017
– Esaminato il reclamo fatto pervenire a seguito di tempestivo preannuncio della società LICENZA e con il
quale si deduce che la gara di cui in epigrafe non avrebbe avuto regolare svolgimento per effetto delle
sostituzioni effettuate dalla società ATLETICO KICK OFF.
– Infatti la reclamante sostiene che al 24′ del secondo tempo la suddetta società sostituiva il calciatore n. 11
(MATARELLI Daniele classe 1995) con il n. 18 DEL VECCHIO Valerio classe 1990), pertanto restava in
campo con due soli calciatori fuori quota, contravvenendo a quanto disposto dalle norme vigenti.
Per l’effetto chiede la vittoria a tavolino.
– Il reclamo è fondato.
– Infatti, dagli atti Ufficiali (come noto fonte primaria di prova ex art. 38 del CGS) risulta che la società
ATLETICO KICK OFF al 24′ del secondo tempo ha sostituito il calciatore MATARELLI Daniele maglia n. 11
classe 1994 con il calciatore n. 18DEL VECCHIO Valerio classe 1990.
– Successivamente, al minuto 25, la società ATLETICO KIC OFF effettuava una seconda sostituzione,esce il
n. 8 DE LUCA Valerio classe 1992 entra il n. 16 BARBATO Luca classe 1997.
– Sentito l’arbitro designato questo conferma quanto riportato sul rapporto in merito alle sostituzioni così
avvenute cronologicamente
– Dagli atti ufficiali, risulta inoltre che sostenitori della società LICENZA nel corso del secondo tempo
rivolgevano all’arbitro di colore espressioni offensive per motivi di razza.
– Da quanto sopra riportato, la gara non ha avuto regolare svolgimento
– In virtù all’art. 17 comma 1 del CGS
DELIBERA
a) Di accogliere il reclamo proposto dalla società LICENZA
b) Di infliggere alla società ATLETICO KICK OFF la punizione sportiva della perdita della gara con il
punteggio di 0 – 3
c) Di irrogare alla società LICENZA la sanzione di euro 400,00 in virtù dell’art. 11 comma 1 del CGS La tassa
reclamo va restituita.

CAMPIONATO Seconda categoria

GARE DEL 26/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
CAPUT ROMA XIV – NOMENTUM
Visto il rapporto arbitrale nel quale si evidenzia che al 1º del 1º tempo, la società CAPUT ROMA XIV che si
era presentata in campo con 7 calciatori,a causa di infortunio, rimaneva in campo con un numero di
calciatori inferiore al minimo stabilito nel comma 2 dell’art 73 delle NOIF, e pertanto l’arbitro sospendeva
l’incontro sul risultato di 0-0.
osservato che l’irregolare conclusione della gara deve essere ascritta a carico della Società CAPUT ROMA
XIV Visto l’art 17 comma 1 del C.G.S e 53 comma 2 delle NOIF
DECIDE
a) di infliggere alla Società CAPUT ROMA XIV la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio
di 0-3.

GARE DEL 26/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
STIMIGLIANO 1969 – CAGIS CASTELNUOVO 1974
Esaminati gli atti ufficiali relativi alla gara di cui in epigrafe
RILEVA
– al 36’ del secondo tempo l’arbitro per fallo ammoniva il calciatore RAPONI VALERIO
– l’ufficio tesseramento presso il Comitato Regionale Lazio, su richiesta di questo Giudice Sportivo,
segnalava che il suddetto calciatore non risulta essere tesserato per la società STIMIGLIANO 1969
– considerato l’art. 29 comma 4 lettera A) del CGS, questo organo giudicante instaura d’ufficio il
procedimento, e per effetto dell’art.17 comma 5 lettera A)
DELIBERA
a) di infliggere alla società STIMIGLIANO 1969
la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3; nonchè l’ammenda di euro 100,00
b) di inibire il dirigente responsabile CERQUETANI EMILIANO fino al 21/04/2017

PREANNUNCIO DI RECLAMO
SAN LORENZO A.S.D. – REAL PIEDIMONTE S GERMAN
Preso atto del preannuncio di reclamo da parte della Società S.S. SAN LORENZO A.S.D. si soprassiede ad
ogni decisione in merito. Nel relativo paragrafo, di seguito, si riportano i provvedimenti disciplinari assunti a
carico di tesserati per quanto in atti.
CAMPIONATO C5 MASC SERIE “C1”
GARE DEL 25/ 3/2017
FORTE COLLEFERRO A.S.D. – CITTA’ DI COLLEFERRO
Preso atto che la gara in epigrafe non è stata disputata per assenza della società CITTA’ DI COLLEFERRO
Rilevato che la stessa non ha fatto pervenire alcuna giustificazione in merito, e pertanto, ai sensi di quanto
disposto nel C.U. n. 1 del 5.07.2016 deve ritenersi rinunciataria a tutti gli effetti. Visto l’art. 17 comma 1 del
CGS e l’art. 53 comma 2 e 7 delle NOIF
DECIDE
a) di infliggere alla società CITTA’ DI COLLEFERRO la punizione sportiva della perdita della gara con il
punteggio di 0 – 6 nonchè la penalizzazione di un punto in classifica;
b) di comminare alla stessa l’ammenda di euro 150,00 (1ª rinuncia)

CAMPIONATO C5 MASC SERIE “C2”
GARE DEL 4/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
P.G.S. SANTA GEMMA – POLISPORTIVA ARDITA RIETI
Sciogliendo la riserva di cui al C.U. n. 243 dell’8.03.2017
Esaminato il reclamo fatto pervenire a seguito di tempestivo preannuncio dalla società PGS SANTA GEMMA e
con il quale si deduce chela gara di cui in epigrafe non avrebbe avuto regolare svolgimento in quanto la società
POLISPORTIVA ARDITA RIETI, contravvenendo a quanto disposto dal C.U. n. 1 del 5.7.2016, non ha iscritto
in lista, come previsto, il numero minimo di almeno due calciatori nati dal 1.1.1993 in poi.
Per l’effetto chiede la vittoria a tavolino.
Il reclamo è infondato.
Esaminati gli atti ufficiali, come nota fonte privilegiata di prova (ex art. 38 del CGS), si rileva che dalla lista
allegata al rapporto di gara risulta un solo calciatore in fascia di età il n. 8 BIANCHETTI Alessandro nato il
26.04.1994.
Pertanto, le doglianze della società PGS SANTA GEMMA possono essere accolte.
In virtù dell’art. 17 comma 1 del CGS
DELIBERA
a) di accogliere il reclamo proposto dalla società PGS SANTA GEMMA;
b) di infliggere alla società POLISPORTIVA ARDITA RIETI la punizione sportiva della perdita della gara con il
punteggio di 0 – 6.
c) la tassa reclamo va restituita.

TORNEO ALLIEVI REGIONALI FASCIA B
GARE DEL 25/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
PREANNUNCIO DI RECLAMO
POLISPORTIVA DE ROSSI ARL – PROCALCIO FERENTINO
Preso atto del preannuncio di reclamo da parte della Società S.S.D.POLISPORTIVA DE ROSSI ARL si
soprassiede ad ogni decisione in merito. Nel relativo paragrafo, di seguito, si riportano i provvedimenti
disciplinari assunti a carico di tesserati per quanto in atti.

CAMPIONATO Regionale Giovanissimi
GARE DEL 26/ 2/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
ETRURIA CALCIO – POLISPORTIVA ORIOLO
Il Giudice Sportivo
– Sciogliendo la riserva di cui al C.U. n. 167 del 02.03.2017
– Esaminato il reclamo fatto pervenire dalla società ETRURIA CALCIO e con il quale si deduce che il
comportamento dell’arbitro è stato illegittimo in quanto per alcune decisioni discutibili, il guardialinee
BOSCHI Pietro si rivolgeva all’arbitro in maniera non consona al ruolo.
Alla notifica del provvedimento disciplinare reagiva in modo scomposto a parole senza avere alcun tipo di
contatto fisico.
A seguito dell’ espulsione, l’arbitro impropriamente fischiava la fine della partita fra lo stupore di tutti i ragazzi
e dirigenti.
– La reclamante, inoltre, asserisce, che non vi erano situazioni di pericolo per i partecipanti alla gara – Per
l’effetto chiede la ripetizione della gara.
– Il reclamo è infondato.
– Esaminati gli atti ufficiali relativi alla gara in oggetto, come noto fonte privilegiata di prova ex art. 38 del
CGS, risulta che il Sig. BOSCHI Pietro, facente funzione di Assistente di parte nella gara in epigrafe, per il
proprio comportamento, veniva allontanato dal recinto di gioco e squalificato fino al 31.12.2017 con
provvedimento pubblicato sul C.U. n. 167 del 02.03.2017.
– In relazione a tale comportamento aggressivo ed intimidatorio, l’arbitro non sentendosi in condizioni
psichiche di continuare la gara emetteva il triplice fischio e sospendeva definitivamente la gara al 15′ del
secondo tempo sul seguente punteggio: ETRURIA CALCIO – POLISPORTIVA ORIOLO 0 – 1.
– In considerazione a tale atteggiamento aggressivo, la gara non poteva continuare e pertanto, le doglianze
della reclamante non possono essere prese in considerazione.
– Per l’effetto
DELIBERA
a) Di respingere il reclamo proposto dalla società ETRURIA CALCIO
b) Di infliggere alla società ETRURIA CALCIO la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio
di 0 – 3
c) Di incamerare la tassa reclamo

CP FROSINONE

CAMPIONATO JUNIORES UNDER 18 FROSINONE
GARE DEL 4/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
Gara: ARPINO – PRO CALCIO ISOLALIRI
La società PRO CALCIO ISOLALIRI ha proposto reclamo avverso la regolarità della gara in epigrafe lamentando che l’arbitro non ha ammesso a parteciparvi il suo calciatore ANCORA Giovanni, non avendo ritenuto valida per identificazione la presentata tessera FIGC SGS Stagione 2015/2016, in quanto scaduta.
La reclamante ha, in particolare, dedotto che l’art.71 delle NOIF non richiede che i documenti indicati alle lettere b) c) e d) debbano essere in corso di validità e che, pertanto, la tessera FIGC SGS esibita dal calciatore ANCORA Giovanni, anche se relativa alla precedente stagione 2015-2016, doveva ritenersi valida ai fini della identificazione del calciatore, e che tale era stata ritenuta nelle altre partite disputate.
L’arbitro, nel richiesto supplemento, ha confermato di non aver permesso di partecipare alla gara al calciatore ANCORA Giovanni, non avendo ritenuto valida, ai fini della sua identificazione, la presentata tessera FIGC SGS in quanto relativa alla stagione 2015/2016.
La società ARPINO ha fatto pervenire controdeduzioni.
Il reclamo proposto dalla società PRO CALCIO ISOLALIRI è destituito di fondamento.
La tesi della reclamante, secondo la quale la tessera pur se scaduta ai fini del tesseramento, costituisce valido titolo per l’identificazione di cui all’art. 71 delle NOIF, non trova conforto né in questa né in altre disposizioni normative.
Il vigente ordinamento, infatti, non attribuisce alla tessera scaduta una efficacia “postuma” per la identificazione del calciatore, cosicché laddove l’art.71 delle NOIF prevede tra i titoli di identificazione le “apposite tessere eventualmente rilasciate dalle Leghe, dal Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica e dai Comitati” non può che far riferimento a tessere valide per la corrente stagione.
Il precedente art.66, titolato “Persone ammesse nel recinto di gioco”,dispone che le persone ivi indicate sono ammesse nel recinto di gioco “munite di tessera valida per la stagione in corso”, che tanto più deve ritenersi necessaria per l’identificazione dei calciatori di cui all’art.71 delle NOIF.
Inoltre, la pretesa “scissione” tra efficacia ai fini del tesseramento e quella ai fini della identificazione, confliggerebbe con l’assoluta rilevanza riservata dall’art.71 delle NOIF alla identificazione dei calciatori da parte del direttore di gara: identificazione che deve, dunque, avvenire con estremo rigore e, nel caso di utilizzo di tessera federale, a mezzo titolo emesso e valido per la corrente stagione.
Tanto premesso,
SI DECIDE
di respingere il reclamo proposto dalla società PRO CALCIO ISOLALIRI e di convalidare il risultato della gara in epigrafe conclusasi con il seguente punteggio:
ARPINO – PRO CALCIO ISOLALIRI 2-1.
La tassa di reclamo va incamerata.

GARE DEL 25/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
Gara: SANTI COSMA E DAMIANO – FONTANA LIRI
Preso atto che la gara in epigrafe non è stata disputata per assenza della Società FONTANA LIRI.
Rilevato che la stessa non ha fatto pervenire alcuna giustificazione in merito, pertanto deve ritenersi rinunciataria a tutti gli effetti; Visto l’art. 53 comma 2 delle NOIF
SI DECIDE
– di infliggere alla Società FONTANA LIRI la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio 0 – 3;
– di comminare alla stessa l’ammenda di euro 300,00 (2 rinuncia), nonché un punto di penalizzazione.

CP LATINA

GARE DEL CAMPIONATO ALLIEVI
GARE DEL 26/ 3/2017
gara del 26/ 3/2017 CENTRO SPORTIVO PRIMAVERA – FOOTBALL CLUB MON NERO

Preso atto che la gara in epigrafe non è stata disputata per assenza della Società FOOTBALL CLUB MONTENERO;
Rilevato che la stessa non ha fatto pervenire alcuna giustificazione in merito, pertanto, deve ritenersi rinunciataria a tutti gli effetti;
Visto l’art. 53 comma 2 delle NOIF;
DECIDE
di infliggere alla Società FOOTBALL CLUB MONTENERO la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3 a favore della Società CENTRO SPORTIVO PRIMAVERA. nonchè la penalizzazione di un punto in classifica;
di comminare alla stessa Società l’ammenda di euro 51,00 (2^ rinuncia )

GARE DEL TORNEO GIOVANISSIMI FASCIA “B”
GARE DEL 25/ 3/2017
gara del 25/ 3/2017 NUOVA CIRCE – LA ROCCA CALCIO

Letto il referto dell’arbitro;
Rilevato che la Società NUOVA CIRCE ha fatto partecipare alla gara calciatori non aventi titolo, e precisamente:
NOWICKI Patryk nato il 05 marzo 2005;
VALESI Giulio nato il 16 marzo 2005;
Ritenuto infatti che secondo quanto previsto dal C.U. n. 1 del 01 luglio 2016 della F.I.G.C. del Settore Giovanile e Scolastico, non possono prendere parte nel Torneo Giovanissimi Fascia B calciatori nati nel 2005;
Visti gli artt. 29 comma 7 lett. a), 17 comma 5 lett. a) e 18 del CGS;
DECIDE
di infliggere la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3 a carico della Società NUOVA CIRCE;
di inibire il dirigente accompagnatore MIGNARDI Giuseppe della Società NUOVA CIRCE fino al 13 aprile 2017.

GARE DEL 26/ 3/2017
gara del 26/ 3/2017 DON BOSCO GAETA A.S.D. – POLISPORTIVA SCAURI

Letto il referto dell’arbitro;
Rilevato che la POLISPORTIVA SCAURI ha fatto partecipare alla gara calciatori non aventi titolo e precisamente:
KAJDO Matteo nato il 14 luglio 2005;
VIOLO Alessandro nato il 13 marzo 2005;
CLEMENTE Alessandro nato il 12 maggio 2005;
CINQUANTA Denis nato il 24 maggio 2005;
Ritenuto infatti che secondo quanto previsto dal C.U. n. 1 SGS del 1 luglio 2016 della FI.G.C. del Settore Giovanile e Scolastico non possono prendere parte nel Torneo Giovanissimi Fascia B calciatori nati nel 2005;
Visti gli artt. 29 comma 7 lett. a), 17 comma 5 lett. a) e 18 del CGS;
DECIDE
di infliggere la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3 a carico della Società POLISPORTIVA SCAURI;
di inibire il dirigente accompagnatore TUCCIARONE Bruno della Società POLISPORTIVA SCAURI fino al 13 aprile 2017

GARE DEL CAMPIONATO CALCIO A 5 SERIE D MASCHILE
GARE DEL 25/ 3/2017
gara del 25/ 3/2017 CASSIO CLUB – ARDEA C.A 5
Preso atto del preannuncio di reclamo da parte della Societa’ ARDEA C5 si soprassiede ad ogni decisione in merito.
CP RIETI

CAMPIONATO PROVINCIA CALCIO A5 SERIE D

GARE DEL 26/ 3/ 2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
RUFINESE CALCIO – VALLE DEL TEVERE

GARE SOSPESE O NON DISPUTATE
Il Giudice Sportivo:
Visto il rapporto arbitrale nel quale si evidenzia che al 5º del primo tempo, la Societa’ VALLE DEL TEVERE che si era presentata in campo con 3 calciatori,rimaneva per infortuni con un numero di calciatori inferiore a quanto consentito dal regolamento e, per tanto, l’arbitro sospendeva l’incontro sul risultato di 0-0 .
Osservato che l’irregolare conclusione della gara deve essere ascritta a carico della societa’ VALLE DEL TEVERE
-Visti gli art.17 comma 1 del C.G.S. e 53 commi 2 e 7 delle N.O.I.F..
DELIBERA
-di infliggere alla societa’ VALLE DEL TEVERE la punizione sportiva della perdita della gara con punteggio 0-6.

CP ROMA

TERZA CATEGORIA ROMA
GARE DEL 26/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
REAL MARCONI ANZIO – ATLETICO GRIFONE
Visto il rapporto arbitrale nel quale si evidenzia che al 39 del 1 tempo, la società ATLETICO GRIFONE che si
era presentata in campo con 7 calciatori, rimaneva in campo con un numero inferiore al minimo stabilito nel
comma 2 dell’art. 73 delle NOIF, e pertanto, l’arbitro sospendeva l’incontro sul risultato di 4-0 a favore della
squadra REAL MARCONI ANZIO;
Osservato che l’irregolare conclusione della gara deve essere ascritta a carico della società ATLETICO
GRIFONE; Visto l’art. 17 comma 1 del C.G.S. e 53 comma 2 delle NOIF
SI DECIDE
a) di infliggere alla società ATLETICO GRIFONE la punizione sportiva della perdita della gara con il
punteggio di 0-4 (miglior risultato conseguito in campo);

ALLIEVI PROVINCIALI DI ROMA
GARE DEL 22/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
ATLETICO GRIFONE – HONEY SOCCER CITY
Preso atto del preannuncio di reclamo da parte della società HONEY SOCCER CITY avverso l’esito della
gara in epigrafe, si soprassiede ad ogni decisioni in merito.

ALLIEVI PROV.ROMA FASCIA “B”
GARE DEL 25/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
LA SALLE – COR 2005
Si da atto che la gara in epigrafe non è stata disputata per malore dell’arbitro.
Nel relativo paragrafo, di seguito, si riportano eventuali provvedimenti disciplinari assunti a carico di tesserati
per quanto in atti.
Gli atti relativi vengono rimessi alla Delegazione Prov. di Roma per gli adempimenti di competenza.

GIOVANISSIMI PRV ROMA FASCIA B
GARE DEL 11/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
CASILINA BCCR – SERPENTARA BELLEGRAOLEVANO
Visti gli atti ufficiali, rilevato che la gara in epigrafe non è stata disputata per mancata presentazione della
Società SERPENTARA BELLEGRA OLEVANO
– osservato che la Società predetta non ha preannunciato nè fatto pervenire giustificazioni in merito, per cui
si è da considerarsi rinunciataria a tutti gli effetti;
Visto l’art. 53 delle NOIF
SI DECIDE
a) di infliggere alla Società SERPENTARA BELLEGRAOLEVANO la punizione sportiva della perdita della
gara con il punteggio di 0-3 nonchè la penalizzazione di un punto in classifica;
b) di comminare alla stessa l’ammenda di Euro 25,00 (1 rinuncia)

CALCIO A 5 SERIE D ROMA
GARE DEL 24/ 3/2017
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
REAL MATTEI – CITTA DI LADISPOLI
Visti gli atti ufficiali, rilevato che la gara in epigrafe non è stata disputata per mancata presentazione della
Società CITTA DI LADISPOLI
– osservato che la Società predetta non ha preannunciato nè fatto pervenire giustificazioni in merito, per cui
si è da considerarsi rinunciataria a tutti gli effetti;
Visto l’art. 53 delle NOIF
SI DECIDE
a) di infliggere alla Società CITTA DI LADISPOLI la punizione sportiva della perdita della gara con il
punteggio di 0-6 nonchè la penalizzazione di un punto in classifica;
b) di comminare alla stessa l’ammenda di Euro 500,00 (3 rinuncia)

CP VITERBO

GARE DEL 26/03/2017
GARA SOSPESE O NON DISPUTATE
CALCIO TUSCIA S.R.L. – VIGOR SOCCER

Visti gli atti ufficiali,
– rilevato che la gara in epigrafe non è stata disputata per mancata presentazione della Società VIGOR SOCCER; – osservato che la Società predetta non ha preannunciato né fatto pervenire giustificazioni in merito, per cui è da considerarsi rinunciataria a tutti gli effetti.
Visto l’art. 17 comma 1 del CGS e l’art. 53 comma 2 e 7 delle NOIF
DECIDE
a) di infliggere alla Società VIGOR SOCCER la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0 – 3 nonché la penalizzazione di un punto in classifica;
b) di comminare alla stessa l’ammenda di € 300,00 (2a rinuncia).

Campionato Allievi
RECLAMO
Gara dell’11/03/2017 ETRURIA CALCIO – POLISPORTIVA ORIOLO

La Società POLISPORTIVA ORIOLO, facendo seguito al rituale preannuncio, ha proposto nei termini e nei modi reclamo in merito alla mancata disputa della gara a margine. La reclamante pone in evidenza che non è stata in grado di raggiungere la località di Latera, sede dell’incontro, per improvviso guasto all’automezzo di trasporto dei propri calciatori avvenuto intorno alle ore 13:00. A tale riguardo trasmette un documento ufficiale della Polizia Locale di Oriolo, nella quale viene evidenziata la circostanza di cui sopra.
Considerato altresì che il dirigente della Società POLISPORTIVA ORIOLO, come confermato nella memoria difensiva della Società ETRURIA CALCIO, ha tentato, senza riuscirvi, di contattare il dirigente della squadra ospitante del problema insorto.
Per tale motivo la ricorrente chiede il riconoscimento della causa di forza maggiore e quindi il recupero della gara oggetto del presente ricorso.
Questo Organo Giudicante ha esaminato la probante documentazione sulla quale non ha nulla da obiettare ritenendo che la Società Polisportiva Oriolo, che non si è presentata, ha comunque tenuto una adeguata diligenza preventiva con riferimento all’orario di partenza ed al tentativo di informare l’altra squadra ed infine, tenendo in considerazione la impossibilità di usufruire in tempo utile di un altro mezzo di trasporto per raggiungere l’impianto sportivo della squadra avversaria.
Accertato quindi che possono essere prese in considerazione le doglianze avanzate dalla Società POLISPORTIVA ORIOLO.
Visto l’art. 55 comma 1 e 2 delle NOIF
DECIDE
a) di accogliere il ricorso presentato dalla Società POLISPORTIVA ORIOLO;
b) di riconoscere quindi la sussistenza della causa di forza maggiore ordinando il recupero della gara di cui trattasi, dando mandato all’Ufficio Programmazione Gare del C.R.Lazio per i connessi adempimenti di competenza in ordine al recupero della gara.

Lascia un commento