Eccellenza, Girone B – Il Colleferro torna a volare: doppio Compagnone e Massimiani regalano i 3 punti ai rossoneri

Torna a volare il Colleferro e lo fa nel modo più bello, sfruttando i minuti finali e strappando tre punti pesanti,  di quelli che ti danno ancora più forza e consapevolezza, il tutto ad otto gare dal termine. E’ un sogno quello che sta vivendo la “banda” di mister Cangiano, partita con il coltello tra i denti per conquistare una salvezza tranquilla ed ora invece è lì su, ad un passo dai play off. Sarà battaglia fino alla fine con Aprilia, Colleferro, Audace e Vis Artena che si sfideranno a suon di punti.

Non potevano sbagliare i rossoneri , davanti al proprio pubblico, alla stadio ‘Caslini’ in un turno di campionato che ha segnato in parte la storia di questa stagione. Da questa domenica è chiaro che il Cassino è con un piede in mezzo in Serie D, che Colleferro ed Aprilia hanno qualcosa in più delle altre, perchè nei momenti decisivi non peccano mai. Sarà lotta apertissima, con tanti scontri diretti che faranno la differenza.

LA GARA: Rossoneri in piena emergenza, oltre agli squalificati Rossi e Salvagni e all’infortunato Moriconi, si aggiunge il forfait di Proietti bloccato dalla febbre. Cangiano però non modifica atteggiamento e tema tattico e allora avanti con il 4-3-3, con l’esordio dal 1’ del giovane Gioele Denni. Palladino risponde con un 3-5-2, in avanti l’ex Dante Volante.
Parte bene il Colleferro, che ha subito la grande occasione con Costantini, bravo Micci a respingere. L’Itri però è ben messo in campo e risponde subito con Foti, che in scivolata, tutto solo in area di rigore non riesce a ribadire in rete l’ottimo cross di Rossini. Il match si sblocca al 35’ con Compagnone, che tocca quel che basta il calcio di punizione di Binaco. Tanta la gioia del numero 9 rossonero che si sblocca dopo un lungo digiuno dal gol.
La ripresa si apre con il pareggio dell’Itri ad opera di Marciano, che da due passi mette dentro, con la retroguardia colleferrina che reclama per una posizione irregolare del numero 7. I rossoneri si riversano nella metà campo pontina alla ricerca del vantaggio, che varrebbe di nuovo il secondo posto. Al 91’ Galeazzi conquista un calcio di punizione dal limite. Si incarica della battuta il neo entrato Cerbara, che mette un pallone perfetto che Molle spizza per un liberissimo Compagnone, che fa esplodere di gioia il ‘Caslini’. Nemmeno il tempo di festeggiare, che Massimiani con un preciso diagonale chiude i conti. Vince e convince il Colleferro, con quello spirito che contraddistingue la squadra di Cangiano. Noi ci siamo… fino alla fine, questo il messaggio dei rossoneri, impegnati la prossima settimana in casa dell’Arce.

Lascia un commento