Serie D, Girone G – Rieti cinico e letale, l’Albalonga s’inchina. Le voci dei protagonisti

Un successo che fa morale e classifica sia perchè arrivato contro una diretta concorrente, sia perchè il Rieti era in emergenza senza tre pedine fondamentali.

CURCI “Abbiamo allestito una squadra competitiva e con l’arrivo di Demartis possiamo provare a fare qualcosa di importante in questa stagione. Il ritorno sarà difficile, complimenti per l’impegno ai ragazzi che sono scesi in campo. Giocare con tre squalificati non è stato assolutamente semplice, permettetemi un ringraziamento a Tirelli, rientrato in tempi record. Non era il solito, ma oggi è stato importante che ci fosse. Partita di sofferenza, potevamo chiuderla il primo tempo, abbiamo avuto due occasioni per il raddoppio, ci siamo salvati poi grazie a Kucich. E’ stata dura, ma non abbiamo ancora fatto niente, giocare a Muravera non è certamente facile. Sappiamo quello che siamo e sappiamo quello che dobbiamo fare. Mercato? Qualcosa ancora arriverà, penso che tra qualche giorno ci sarà qualche nuovo innesto. E’ una squadra forte ma dobbiamo puntellarla ancora meglio, per dare l’opportunità di sognare qualcosa di importante.”

DEMARTIS“Sono arrivato da meno di 24 ore, ho conosciuto il presidente, sono stato accolto molto bene. Le mie impressioni sono state molto positive sia per quanto riguarda i ragazzi sia per la società. Si respira un’aria di positività. Sono esperto, riesco ad integrarmi abbastanza facilmente, sono aiutato da alcuni ragazzi che già conoscevo personalmente, il fatto che ci sia un gruppo unito agevola. Sono contento dell’esordio, era un partita delicata, quando si gioca con la seconda è uno scontro diretto, è stato bello vincere, vuol dire che ho portato bene, se il buongiorno si vede dal mattino, ho iniziato bene. Dobbiamo giocare partita dopo partita come abbiamo fatto oggi”.

 

PARIS“La squadra ha fatto benissimo, perché è vero che l’avevamo preparata a stare con le tre punte ma volevamo togliere la profondità a Corsetti e Cruz. Dieme doveva fare il lavoro in fase di non possesso su Giannone e facevamo impostare i centrali, tutti si sono sacrificati. Tanta voglia e motivazione, e i ragazzi sono stati grandi. Le occasioni più nitide, levata quella di Corsetti, le abbiamo avute noi. Due volte con Scotto, una volta con Marcheggiani, potevamo chiuderla prima. Tirelli? Posso solo ringraziarlo, abbiamo rischiato un pochino a livello muscolare, ma ho parlato con il ragazzo ed è andata bene. Demartis è un giocatore super, non lo scopro certo io, grandi doti tecniche. E’ un giocatore che sa vincere, un innesto di enorme qualità. Il mercato? Se arriva qualcosa sono contento, non vogliamo fare errori, stiamo valutando con calma. Se ci saranno altre novità ringrazieremo di nuovo il presidente”.

Manuel Scappa – Amarantoceleste.it

Lascia un commento