ESCLUSIVA Eccellenza, Girone A – Avanti Montecelio, ti spinge Cesaro: “La Coppa è molto importante ed in campionato basta una striscia positiva per tornare ai vertici…”

“Sono contento del passaggio del turno! Questa è la quarta stagione she sto con mister Amici, ho sempre giocato da centravanti ed ho sempre segnato tanto. È una posizione in cui mi trovo bene, ma non mi dispiace partire neanche da esterno d’attacco mancino”. Parole e musica per il Montecelio di patron Piervincenzi. Chi le pronuncia – in esclusiva a Lazioingol.it – è Andrea Cesaro. Protagonista indiscusso all’andata, decisivo al ritorno. Ha saputo fare male, autentico giustiziere della Vis Artena. Tanto del merito è suo, se i gialloblù sono approdati ai quarti di Coppa Italia. Next stop, Uni Pomezia. Risultato fantastico, ma prima c’è da pensare a raddrizzare la situazione in campionato, dopo l’inaspettata sconfitta casalinga contro il Tolfa.
 
 
Ora che la distanza dal vertice in campionato pare aumentata, la Coppa diventa un obiettivo sensibile. È così? “Ora ci saranno molti scontri diretti in campionato. Se noi riuscissimo a inanellare tre ottimi risultati di fila, potremmo ritrovarci di nuovo lì sopra… Detto ciò, è innegabile che la Coppa Italia sia per noi molto importante”.
 
 
La sconfitta di domenica in casa contro il Tolfa è figlia delle numerose assenze? State recuperando qualche elemento in vista di Acquapendente? Quella contro il Tolfa è stata una partita strana, perché il primo tempo abbiamo creato tantissimo e loro hanno segnato sull’unico tiro in porta. Poi abbiamo perso anche Scerrati per infortunio, più due espulsioni. In quel frangente siamo crollati. Buon per noi che domenica dovremmo recuperare Aguglia, che per noi è un elemento molto importante”.

 Il mercato non ha ancora accostato nessuna pedina al Montecelio. Pensi che ci saranno movimenti a dicembre? “Di mercato non so dirti assolutamente niente. Per me siamo già competitivi così, però è chiaro che se arrivassero un paio di elementi forti non mi dispiacerebbe affatto…”.
Tu in campo e tuo padre a far da vice ad Amici. Ti stimola positivamente la sua presenza in panchina? “Diciamo che sono contento di condividere con lui l’annata sportiva… Vedo che si diverte, quindi sono felice”.

Lascia un commento