MAGIE DA DERBY – Venerdì 2 Dicembre i ‘Maritozzi’ tornano sul palco

Il 2 dicembre tornano in scena all’Eat di Viterbo, considerabile ormai un vero e proprio quartier generale del loro essere, i Maritozzi, pronti a portare in scena un’opera dedicata ai successi della Lazio nei derby negli ultimi cinquant’anni. “Magie da derby”, questo lo spettacolo, è in programma due giorni prima la stracittadina romana e senza ombra di dubbio rappresenterà un vero e proprio momento indimenticabile, per lo meno per chi h a cuore le sorti del melodrammatico club biancoceleste.

maritozzi-1

I Maritozzi sono un gruppo teatrale nato nel 2012: un trio di amici (il professore delle superiori Antonello Ricci, l’avvocato Alessandro Tozzi e il giornalista Massimiliano Morelli) che ha pensato bene di portare in scena attraverso reading teatrali (lettura di testi scritti con ironia, arguzia e puntualità del ricordo) storie di sport non tanto dimenticate nel tempo, quanto aneddoti e ricordi del tempo che fu. La peculiarità è quella di alternare al racconto sportivo, storie di vita vissute nel contempo che esulano spesso dal racconto, ma che s’intersecano alla perfezione nel racconto. Debuttarono a Viterbo raccontando “Italia-Brasile ’82 e le altre”, con Paolo Rossi in platea visibilmente emozionato nell’ascoltare il testo; a seguire hanno portato in scena il racconto del mundial ’82 e altre storie anche a Roma e nel reatino. Fra queste un trittico di frammenti legati alla Lazio (“Andiamo, Chinaglia, andiamo!”, “La Lazio del meno 9” e “Blue is the colour”), la storia di una squadra di calcio di avvocati (“Lo Sparta Prati è uno stato mentale”), quella della coppa dei campioni (“La Champions league non si è sempre chiamata così”) e un’opera legata al più forte attaccante italiano d’ogni epoca (“Gigi Riva, l’uomo che accompagnò la Sardegna nel futuro”).

L’idea di massima è quella di ridare colore a storie ingiallite dal tempo e nel contempo di dare memoria a quelle nuove generazioni che non hanno vissuto momenti fondamentali della nostra epoca.

Lascia un commento