Lega Pro, Girone A – Viterbese stesa dall’Olbia, mister Cornacchini: “Risultato inappelabile. Mercato? Un’incognita, ma se vuoi arrivare in alto…”

Viterbo – Amaro in bocca per la Viterbese. E’ stata una domenica da dimenticare per la squadra di Giovanni Cornacchini, sconfitta per 3-0 dall’Olbia tra le mura amiche. Una sconfitta pesante e difficile da accettare, specialmente perché arrivata contro un avversario che ha effettuato solamente tre tiri in porta e in ogni occasione è riuscita a centrare il bersaglio. Le contemporanee assenze di giocatori come Mallus, Celiento, Cruciani, Invernizzi e Sforzini si fanno sentire sempre di più ma nonostante questo i Leoni hanno giocato un ottimo primo tempo, durante cui non sono riusciti a trovare la rete. Nella ripresa poi gli episodi hanno fatto la differenza, con la squadra sarda più brava e altrettanto cinica davanti alla porta difesa da Iannarilli, incolpevole in tutti e tre i gol subiti.

A fine partita, dopo i colloqui di rito con il patron Piero Camilli e lo staff societario, Giovanni Cornacchini è intervenuto in sala stampa per analizzare la sconfitta. Evidentemente arrabbiato ma comunque tranquillo, l’allenatore marchigiano ha preferito non cercare alibi. “Un 3-0 casalingo è inappellabile – ha detto – e quando si prende non si può dire nulla. Evidentemente paghiamo il momento e le assenze ma sarebbe troppo facile appellarsi solo a quello. Inoltre quando non riesci a concretizzare le occasioni che ti capitano ti va male, perché nel momento in cui non segni va a finire che prendi gol. L’Olbia è una squadra costruita molto bene e in più ha una struttura come il Cagliari che gli sta dietro per farsi crescere i giovani. Dispiace perché c’erano i presupposti per fare bene ma le situazioni non ci hanno favorito“.

Per quanto riguarda le assenze probabilmente per domenica prossima rientrerà il solo Bernardo (ieri a mezzo servizio), ma nonostante questo l’allenatore non vuole sentir parlare di mercato. “Prendere giocatori adesso è inutile – ha concluso Cornacchini – perché in giro ci sono solo elementi poco allenati e non al top della condizione. In una situazione come la nostra puoi fare solo due cose, prendere qualcuno ma rischiare di fare più danni oppure limitarli e aspettare gennaio. Poi se ti vuoi solamente salvare basta recuperare i giocatori che hai in rosa, ma se vuoi provare ad arrivare più su devi intervenire per forza”.

Samuele Sansonetti – Tusciaweb.eu

Lascia un commento