Promozione, Girone B – Tivoli, i giovani crescono bene. Mori: “Piedi a terra. Conquistiamo altri punti salvezza”

Marco Mori sta crescendo e anche molto bene. È uno dei tanti giovani calciatori, è un classe 1997, della “Cantera” amaranto blu che in questa stagione stanno mettendosi in mostra nel campionato di Promozione. Già nella prima giornata ha lasciato il segno realizzando il gol del tentativo di rimonta della sua squadra sul campo del Villalba, nel derby della Tiburtina.
Questo è stato anche il primo gol realizzato dalla Tivoli in questo campionato. Ora, domenica appena passata, ha anche realizzato il gol del vantaggio, poi decisivo ai fini della vittoria insieme ad un altro giovanissimo talento, Matteo D’Errigo, sul terreno del Grifone Gialloverde. Una vittoria questa della Tivoli 1919 determinata dai gol di due giovanissimi. Oro puro per il calcio tiburtino: “Ho iniziato a considerare il calcio come sport – spiega il giovane calciatore che abita con la famiglia a Castel Madama – più tardi rispetto ad altri. Inizialmente avevo scelto il volley come sport poi ho iniziato a giocare a calcio ed eccomi arrivato alla Tivoli 1919 in Promozione”.
Marco Mori è un esterno, può giocare alto in uno schieramento 4-3-3 oppure centrocampista in un più moderato 4-4-2. Ha gamba, corsa, tecnica e capisce molto bene quando è il momento di puntare l’area avversaria. Così è successo domenica scorsa sul campo del Grifone: “Quando ho visto Di Brangospiega il giovane calciatorearrivare in area ho capito che poteva servirmi per la battuta a rete. Lui è stato molto bravo nel passarmi la palla ed io di piatto ho fatto gol”. Con questa benzina verde, lui e D’Errico ma anche gli altri, questa Tivoli 1919 può sognare: “Stiamo con i piedi per terra. Prima dobbiamo ottenere i punti per la salvezza e quando avremo raggiunto questa quota penseremo a divertirci e a vedere dove potremo arrivare. E’ un girone molto equilibrato”.
Marco Mori pur giovanissimo ha testa. E’ un diciannovenne con la testa sulle spalle: “Cosa mi aspetto dal calcio? Divertirmi insieme con i miei compagni senza ovviamente dimenticare la scuola”. Frequenta Ragioneria e abbinare calcio e studio per lui non è un problema: “Per ora questi sono i miei obiettivi, poi si vedrà”. E’ tifoso della Roma ma in maniera tranquilla, ammira molto il Capitano Totti per lo straordinario rendimento che ha ancora oggi: “Lui è un esempio per tutti noi giovani calciatori”. Intanto lo aspetta una settimana di allenamenti, c’è da preparare il derby contro il S.Angelo Romano che in classifica è ben posizionato. Una gara che potrebbe lanciare la Tivoli 1919 nell’alta classifica ed i tiburtini a benzina verde hanno le carte in regola per vincere. Mori vuole segnare ancora perché il proverbio recita che non c’è due senza tre.
Sergio Toraldo – Tiburno.tv

Lascia un commento