Seconda Categoria, Girone A – Tarquinia, l’intramontabile Romano. Il focus

Il nostro focus questa settimana punta a far luce su un’altra romantica storia da raccontare ai nostri sportivi ed appassionati, dopo lo spazio concesso anzitempo sulla official page al nostro attuale intramontabile presidente/capitano Marco Bellucci. I fari stavolta vengono puntati sulla storia di Pierluigi Romano, 43 anni calciatore e centrocampista vecchio stile nativo della vicinissima Civitavecchia, conosciuto in campo e fuori dagli amici col diminutivo di ‘Piero’.

La storia calcistica di Pierluigi è piena di ricordi, molte le casacche indossate in giro per l’alto Lazio, lui, conosciutissimo nel panorama dilettantistico per il suo carisma e per personalità e professionalità fà della dedizione a non mollare mai fino alla fine il suo piccolo grande segreto per andare sempre avanti e divertirsi come quando era ragazzino. Una carriera consumatasi su rettangoli verdi o polverosi che non lo hanno mai impensierito, la passione per il calcio e la sua serietà sui campi da calcio attualmente viene riconosciuta da avversari e arbitri, quarantatrè lustri sulle spalle e un fisico che non sembra ancora volerne sapere di smettere di giocare.

Quale occasione migliore per tornare a dar calci al pallone? Il Tarquinia Calcio! Nella sua carriera, il Tarquinia Calcio ha infatti riempito la vita calcistica di ‘Piero’, che legò il suo nome ai colori blugranata: fin da giovanissimo è maturato nel fiorente settore giovanile, crescendo tecnicamente e mentalmente fino ad arrivare, dopo anni di sacrifici ad indossare la casacca della prima squadra del Tarquinia ai tempi, obiettivo straordinario che oggi i giovani moderni non riescono a porsi come obiettivo.
Molte le stagioni consecutive in Promozione disputate da titolare nel Tarquinia, comandato allora dal nostro indimenticabile presindentissimo Leonardo Maneschi, che l’ha sempre stimato tantissimo.

Oggi Piero Romano gioca ancora con noi, ha accettato senza esitare di far parte ancora del rifondato e ancora acerbo Tarquinia dei nostri giorni, fregandosene che oggi la squadra è in Seconda Categoria. In campo, alla sua esperienza nella linea mediana, aggiunge i suoi tradizionali urli e richiami verso i compagni più giovani, lui ancora a servizio dei colori del Tarquinia, il club che lo ha formato e che è rimasto prepotentemente nel suo destino.

Area Comunicazione Tarquinia

Lascia un commento