ESCLUSIVA Lega Pro, Girone C – Unicusano Fondi, Pochesci: “Qui c’è un progetto unico. Obiettivo salvezza, ma io sono un sognatore…”

Finalmente la Lega Pro. L’ha cercata tanto negli anni Sandro Pochesci, meritandola a volte. Protagonista di uno strepitoso, quanto inaspettato, cammino alla guida del Guidonia anni fa, da un paio di stagioni è alla guida dell’Unicusano Fondi. Solo una parentesi, quella dei mesi scorsi, lontano dal comune pontino. Al principio di questa stagione Pochesci si è tinto nuovamente di rossoblù. Un sogno che si avvera, confrontarsi settimana dopo settimana con il mondo del professionismo. Queste le prime parole del mister, in esclusiva al portale Lazioingol.it: “È una grande soddisfazione personale avere questa opportunità. Non so se l’ho pienamente meritata, ma certamente è stata cercata, voluta e conquistata con tanta grinta e passione”.
L’avvio è stato confortante. Ora però la vittoria manca da 5 turni, anche per colpa di qualche situazione poco fortunata. Domenica è in programma la gita allo ‘Iacovone’ di Taranto, squadra che ha tenuto finora lo stesso rendimento dell’Unicusano – cha ha pun punto di penalizzazione -. Una sfida che l’ex mister dell’Ostiamare sta preparando maniacalmente: “Taranto è una piazza importante, bella e affascinante. Il confronto sarà di quelli importanti, ma la preparazione della partita sarà quella di sempre. Sarà necessario fare attenzione, portare rispetto verso gli avversari, ma soprattutto avere la giusta voglia di riscatto”.
L’Unicusano Fondi è un club in crescita, che si vuole affermare nel mondo del calcio professionistico. Gli attriti con la frangia più calda della tifoseria locale non minano le certezze del mister, che condivide in pieno questa affermazione: “Ciò che è nato qui a Fondi è un fenomeno unico in Italia. Una proprietà universitaria portatrice di un messaggio unico, “LA SQUADRA DELLA RICERCA SCIENTIFICA ITALIANA”. Le nostre vittorie sono dedicate ai nostri ricercatori, che lottano per mettere fine alla voce malattie incurabili”. Quest’anno la Lega ha optato per dei play off allargati. Pochesci vola basso, non ama fare il passo più lungo della gamba: “Il nostro obiettivo è quello di conservare la categoria, poi, in caso, penseremo ad altro. Sono un sognatore, ma il mio sogno non ve lo dico altrimenti non si avvera”.
Il presente dice grandi palcoscenici. Lega Pro, nello stesso girone di ferro di corazzate di grande tradizione come, Lecce e Foggia. Ma la finestra sulla nostra regione e sulla Serie D, Sandro Pochesci non l’ha mai chiusa: “Quale squadra mi ha sorpreso, fino a questo momento? Dico di fare attenzione al Monterosi. Ma il mio appoggio va al Trastevere, sono vicino all’amico e collega Sergio Pirozzi”.

Lascia un commento