Eccellenza, Girone B – Audace, Fumini da 110: “Vis Artena? Grande squadra. Avanti senza pressioni”

Un’altra vittoria per l’Audace. Non solo quelle che arrivano dal campo (l’ultima, in rimonta, ai danni del Racing piegato dalle reti di Greco e Chiti), ma pure le soddisfazioni per le “imprese” individuali dei suoi ragazzi. Gianmarco Fumini, mediano (o all’occorrenza anche difensore centrale) classe 1993, è uno di questi: lunedì ha conseguito la laurea allo Iusm col voto di 110, ovviamente davanti agli occhi di tanti suoi compagni di squadra che già lo chiamano “dottore” o “Prof” (visto che Gianmarco ora è un potenziale insegnante di educazione fisica a tutti gli effetti).

«Sicuramente una bella soddisfazione, anche perché unire l’attività agonistica allo studio universitario e anche a un’attività lavorativa (per pagarsi gli studi Gianmarco lavora in un ristorante) non è stato proprio semplice. Che farò ora? Devo decidere se prendere la specialistica oppure fare un master alla Luiss». Insomma un ragazzo d’oro, considerato che Fumini è uno degli “intoccabili” dello scacchiere del player manager Daniele Greco. Che martedì, alla ripresa degli allenamenti, non si aspettava di trovarlo come sempre presente al campo. «Daniele mi ha chiesto come mai non mi fossi riposato almeno un giorno, ma io gli ho risposto che domenica c’è la Vis Artena e non ci si può distrarre». Anche la festa di laurea coi compagni di squadra, quelli che Fumini chiama «la mia famiglia sportiva», può attendere. «Domenica abbiamo un match davvero molto importante e noi vorremmo toglierci altri sassolini dalle scarpe».

L’Audace, però, non è più una sorpresa. «E’ vero, abbiamo una squadra giovane, ma collaudata e con la mentalità giusta. Tra l’altro il club ci mette nelle condizioni migliori per esprimerci e finora le cose stanno andando bene. La Vis Artena? E’ una grande squadra che conta su tanti ottimi giocatori e con alcuni di loro, vedi Valentino o l’ex Audace Fortunati, ho anche giocato assieme. Ma noi non abbiamo paura e proveremo a divertirci e a giocarcela come sempre». Anche se sarà solo la sesta giornata, un risultato pieno potrebbe già contribuire a far alzare l’asticella dell’Audace… «Inutile metterci addosso queste pressioni, noi interpreteremo la stagione come fatto l’anno scorso quando arrivammo molto vicini all’impresa di centrare i play off. E poi quel che sarà, sarà…».

Tiziano Pompili – Ilmessaggero.it

Lascia un commento