Promozione, Girone C – Cavese, il figlio acquisito Giacchè: “Vinciamo e smetto da trionfatore!”

Venerdì scorso ha spento 35 candeline. Poi domenica è andato in campo con la sua Cavese realizzando una rete di rara bellezza con un bolide da fuori area. «Un gol alla Gerrard» dice col sorriso Emanuele Giacchè, centrocampista centrale che in carriera ha fatto il pieno di titoli in Promozione (cinque campionati e due Coppe). Il suo gol ha dato il là quarta vittoria in altrettante gare ufficiali della squadra biancoazzurra in questo inizio di stagione: il 3-1 sulla Pro Roma, tra l’altro, ha consolidato il primato in classifica nel girone C condiviso al momento con La Rustica, Sermoneta e Dilettanti Falasche. La sua Cavese è indicata come la favoritissima di questo raggruppamento.

«Siamo forti, soprattutto nell’undici titolare, ma i campionati non si vincono con le chiacchiere. Sarà dura, ma se lo vinciamo appendo gli scarpini e lascio da trionfatore» aggiunge Giacchè che ha già deciso cosa fare successivamente. «Mi intriga molto allenare, spero di riuscire a fare qualcosa di più di quello che ho fatto da giocatore. Quest’anno allenerò i Giovanissimi della Cavese e sono curioso di vedere come andrà». Il centrocampista ha vissuto gli anni migliori della Cavese, quelli del “double” campionato-Coppa di Promozione con Ferazzoli allenatore e del secondo posto nel successivo campionato di Eccellenza.

«Quando a dicembre scorso è arrivata la chiamata, non potevo proprio dire di no – spiega Giacchè -. Io sono un cavisello acquisito, qui ho anche un bar e poi sono legato da una forte amicizia con il presidente Ariosto Pasquazi». Proprio sulla nuova struttura societaria della Cavese, Giacchè spende parole importantissime. «Non si sono mai fatte cose così serie qui a Cave, c’è grande entusiasmo e un progetto molto importante». Lui ne è ancora al centro e soprattutto incide. «E’ un piacere giocare in questa squadra perché tutti parlano la stessa “lingua calcistica”». Giacchè e la Cavese fanno davvero sul serio.

Tiziano Pompili – Ilmessaggero.it

Lascia un commento