LAZIALI D’ESPORTAZIONE – Crecco, un trenino in Irpinia: “Avellino grande piazza”

Sono tanti i ragazzi della nostra regione sparsi per l’Italia e all’estero. Laziali d’esportazione, nuovissima rubrica di Lazioingol.it, punta a riavvicinarli idealmente a casa, indagando circa le nuove abitudini, i nuovi usi e costumi. Il nuovo modo d’intendere e di vedere il football, lontano dal rassicurante focolare domestico.

Sotto la lente d’ingrandimento, in un’intervista rilasciata al portale Tuttoavellino.it, c’è il prodotto del vivaio dell’Aquila, Luca Crecco.

Il prestito all’Avellino, dopo l’esperienza alla Ternana, Virtus Lanciano, Modena e la breve parentesi a Trapani. Il classe ’95 capitolino il passato week end con la maglia biancoverde: “La gara contro il Trapani? Sono soddisfatto della scelta del mister che mi ha mandato in campo dal primo minuto, dopo poche settimane che sono qui. Ora ci sono partite impegnative: la prima a Verona, un campo difficile, ma cercheremo di fare il massimo e portare a casa i tre punti perché ne abbiamo bisogno”.

Poi, Crecco ha parlato del trasferimento dalla Lazio all’Avellino: “Sono andato al Trapani questa estate perché mi aveva cercato Cosmi direttamente, voleva un giocatore giovane in quel ruolo. Ma sapevo anche che l’Avellino mi cercava da tre anni, in Coppa Italia con il Trapani non sono stato utilizzato e quando si è palesata la possibilità di venire ad Avellino ho accettato subito perché è una grande piazza. Sul ruolo, ho sempre fatto la mezz’ala sinistra, ma penso di poter rendere al meglio da quinto di sinistro – entrambe vesti con le quali Luca era abituato a esprimersi al meglio con la Lazio -. Posso fare entrambi i ruoli”, ha chiarito Luca, altro talento che è dovuto migrare, in cerca di miglior fortuna e maggior spazio.

Lascia un commento