ESCLUSIVA Prima Categoria, Girone F – Colle di Fuori, Romei promette battaglia: “A casa nostra non si passa”

La stagione è giusto al principio. Si corre, si suda, si sogna. Tutti insieme. Il calcio come passione, voglia di stare insieme e di lottare per un obiettivo comune. Al principio dell’annata che vedrà impegnati tanti ragazzi in Prima Categoria – ed approfittando della stesura dei gironi da parte del Comitato Regionale del Lazio – la redazione di Lazioingol.it è voluta entrare nei quartier generali delle compagini impegnate nella preparazione d’inizio stagione.

È stanco di ricevere delusioni il Colle di Fuori. Stagioni transitorie, a dispetto degli sforzi profusi in fase di costruzione della squadra. La dirigenza casilina spera finalmente di aver puntato sul cavallo giusto. In estate è arrivato trainer Giovannelli dalla Gioc Frascati, fusasi con il Frascati che milita in Promozione. Il mister non ha rinunciato ai suoi fedelissimi, specie al bomber Romei. Chiamato a segnare con continuità come nelle precedenti stagioni la punta di Rocca di Papa è stata intercettata in esclusiva dalla nostra redazione. Il classe ’88 sprizza voglia di stupire.
Dopo diverse stagioni hai deciso di sposare un nuovo progetto. Quanto lasci a Cocciano?  Lascio tanto a Cocciano: quattro stagioni vissute alla grande, un campionato vinto, 86 reti realizzate e poco più di 100 partite giocate. Lascio tanti ricordi positivi e nessuno negativo”.
 
Praticamente un esodo, il vostro, a Colle di Fuori. Quanto sei legato a mister Giovannelli? “Al mister sono legato tanto, questa è la quarta stagione che lavoriamo insieme. È uno che tira fuori sempre il meglio da ognuno di noi. Speriamo di riuscire a fare qualcosa d’importante quest’anno. Io ne sono convinto!” 
La sfida del Colle di Fuori alle posizioni di vertice è lanciata, quindi. Dalle tue parole deduco che stia nascendo una rosa di qualità? “La rosa è molto valida, il cui nucleo è costituito da giocatori che si conoscono da anni. Anche per questo ho sposato il progetto, perché alle nostre spalle c’è una società preparata e disponibile nei nostri confronti. Abbiamo giocatori di categoria, siamo chiamati a far per forza di cose bene”.
 
Il girone in cui siete stati inseriti non è per niente facile. Riesci già ad individuare formazioni importanti, sulla carta? “Il girone è uno dei più difficili, ci sono squadre scese dalla Promozione che vogliono risalire. È il caso dell’Atletico Olevano, del Torpignatara, del Casilina e dell’Alberone. Noi ce la metteremo tutta, dovranno sudare tanto per portar via punti da casa nostra”. 
 
A livello personale, che bottino di reti speri di riuscire a raggiungere? “A livello personale spero di confermare il rendimento delle ultime sei stagioni, in cui non ho mai fallito la doppia cifra, anche se il girone è difficile”.
 
Per chiudere, il Colle di Fuori è una società senza dubbio presente, che ha sempre investito sulle prime squadre, non riuscendo però mai lontanamente ad inserirsi alla lotta al vertice della Prima Categoria. Credi che quest’anno la dirigenza abbia puntato sul gruppo giusto? ” La società investe, è vero. Speriamo di ripagarli sul campo, siamo un bel gruppo e sono convinto che anche i miei compagni – come me – non molleranno niente e cercheranno di dar soddisfazioni a questo club che ha puntato su di noi!”.

Lascia un commento