Promozione, Girone B – Fonte Meravigliosa, Virli: “Con l’Atl. Torrenova gara no, risolleviamoci”

E’ iniziato con la classica gara “stregata” il campionato del neopromosso Fonte Meravigliosa. La squadra di mister Maurizio De Mattia ha “sbattuto il muso” contro l’Atletico Torrenova nella prima giornata di campionato, disputata al Fuso di Ciampino (dove il club capitolino giocherà tutte le partite interne della stagione). Lo 0-1, maturato con l’avversario a lungo in nove uomini (e poi addirittura in otto nei secondi finali), ha lasciato parecchio amaro in bocca ad una formazione che in estate ha messo a segno alcuni colpi importanti come quelli di Virli e Ricci e che poche ore fa ha convinto anche il difensore La Forgia (che si era accordato con l’Unipomezia) a far parte del gruppo. «Una partita storta – dice la seconda punta o esterno d’attacco Andrea Virli sul match d’esordio –, paradossalmente il fatto di aver giocato con una doppia inferiorità numerica una volta in vantaggio ha fatto sì che l’Atletico Torrenova scegliesse di chiudersi a riccio nella sua metà campo. Con il gran caldo di domenica e con una preparazione non ancora al meglio, abbiamo fatto fatica a far valere il vantaggio numerico». A conferma della gara-no, è arrivato nei minuti di recupero pure un calcio di rigore sbagliato dallo stesso ex attaccante di Lepanto Marino e Guardia di Finanza. «Era un po’ che non li tiravo e nessuno se la sentiva: purtroppo sono andato sul dischetto molto stanco e ho sparato alto». Di fronte, poi, c’era il portiere (e fresco ex compagno di squadra) Diego Di Giosia. «Il giorno dopo è arrivato il suo immancabile sfottò – sorride Virli -, per fortuna l’ho tirato alto perché se me lo avesse parato sarebbe stato ancora peggio…». Per diversi addetti ai lavori, i recenti arrivi di due giocatori come Ricci e La Forgia (che Virli conosce bene) possono piazzare il Fonte Meravigliosa subito alle spalle delle big nell’ideale griglia di partenza del girone C. «Il nostro primo obiettivo dev’essere la salvezza – evita voli pindarici Virli -, dobbiamo stare coi piedi ben piantati a terra perché questa categoria sa essere spietata. Se poi tra qualche mese saremo in una posizione tranquilla allora potremo pensare ad altro». Domenica per il Fonte Meravigliosa c’è un altro severo test in casa del Team Nuova Florida. «Personalmente so poco di loro, ma hanno vinto all’esordio a Frascati e vengono dall’ottimo scorso campionato. Tra l’altro con noi gioca il loro ex portiere Giorgi il quale mi ha detto che nelle gare casalinghe spesso partono molto forte quindi dovremo subito tenere gli occhi aperti». Chiusura sulla sua scelta di vestire la maglia del Fonte Meravigliosa. «Dopo un grave infortunio al ginocchio, subito due anni fa con la Lepanto, sono rientrato in campo a gennaio scorso con la Guardia di Finanza. In estate, quando è arrivata la chiamata del presidente Alessandro Danieli che è stato il mio primo vero massimo dirigente di prima squadra ai tempi della Boreale, non ci ho pensato un solo momento».

Tiziano Pompili – Ilmessaggero.it

Lascia un commento