Promozione – Atletico Torrenova di carattere. La ripresa contro l’Anitrella è scoppiettante

L’Anitrella è forse una delle squadre più adatte per capire fin dove può spingersi il nuovo Atletico Torrenova targato Marco Russo. Di sicuro questo esordio stagionale ha messo in chiaro quali sono le potenzialità della squadra: i bianconeri sono forti in avanti, sembrano poter arrivare sotto porta con semplicità, grazie al gran tasso di qualità degli attaccanti e agli inserimenti di centrocampisti con il vizio del gol come Sganga e Proietti. Ma l’Anitrella, giunta a Borghesiana con un 4-3-1-2 sbarazzino, ha di certo provato a sbarrare la strada ai capitolini. Ed alla fine del primo tempo era a metà dell’opera, forte del vantaggio. E pensare che dopo 22 minuti Sganga aveva già portato avanti gli uomini di Russo. Prima ancora Pedrocchi aveva mancato l’appuntamento con la segnatura, di testa come Botti la cui torsione finisce due volte al lato. Poi Barile si era messo in proprio, ma la staffilata dell’ex Giardinetti sibilava ad un pizzico dal palo. Gli ospiti, caparbi e tenaci, si mostravano arrembanti e con Reali prima – lesto a rubar palla ad Amoroso – e Cancelli poi – libero di calciare da posizione defilata – mettevano il muso avanti.

Nella seconda frazione Di Cicco rimpiazza Pascucci e cambia il corso del match. Il calcio di rigore per atterramento di Pedrocchi viene freddamente trasformato da Barile. Di Cicco testa i riflessi dell’estremo ospite, sgusciando di fianco a Pagnani, tiro ribattuto. Quindi altro rigore concesso dall’arbitro per un fallo su Marchetti e trasformato proprio dal folletto Di Cicco, su ribattuta. Gigli e Reali tentano di liberare la conclusione invano, i neroverdi si affidano alle seconde palle, ma il Torrenova con Botti e Amoroso giganteggia in elevazione. La formazione di Russo chiude la strada ad ogni velleità ospite. A sigillare il risultato, al 95′ approfittando dei frusinati all’arrembaggio, in maniera definitiva ancora Di Cicco, liberato su percussione di Notaro.

Area Comunicazione Torrenova
Foto – Massimiliano Cervera

Lascia un commento