Promozione, Girone D – Paliano, Fazi parla dopo l’amarezza di Coppa: “Abbiamo dato tutto e fatto parlare di questa realtà”

La sconfitta per 3-1 in finale contro la CPC è sicuramente una delusione per il Paliano che però non cancella una Coppa Italia di altissimo livello fatta dalla squadra allenata da Francesco Russo. Il cecchino dei biancorossi Yuri Fazi ha parlato qualche giorno dopo il pomeriggio frascatano ed ha commentato l’occasione sfumata per alzare un trofeo con la sua squadra, togliendosi qualche sassolino dallo scarpino nei confronti dell’ambiente casilino e dicendosi comunque soddisfatto della stagione sua e dei suoi compagni. Concentrato sul futuro, magari ancora al ‘Tintisona’…

“Anche questa stagione è terminata… Vorrei partire dal lontano giugno 2018 quando mi venne illustrato il nuovo progetto dei due presidenti… un progetto nato dalla fusione di due realtà vicine ma nello stesso tempo distanti… Sapevo fin da subito che sarebbe stata una sfida difficile, difficile perché molti Palianesi criticavano questa fusione…. ma le parole lasciano il tempo che trovano… Dal 30 Luglio noi abbiamo iniziato a lavorare per far si che questa sfida fosse vinta… L’inizio non è stato dei migliori sia in campo (qualche risultato negativo) che fuori (“noi nn tifiamo l Olevano”)… Poca gente a vedere la partita e qualcuno che c’era veniva solo per criticare… Poi piano piano sono arrivati i risultati, nel frattempo noi abbiamo continuato ad allenarci facendo finta di nulla perché sapevamo che avremmo fatto cambiare idea a molti… Il risultato è sotto gli occhi di tutti… La marea biancorossa che ha riempito il Tintisona da Gennaio in poi è stata la nostra Vittoria più grande, aver regalato gioie alle persone di Paliano che ci hanno accompagnato da li in poi è stata un’altra Vittoria… Peccato non aver vinto la Coppa ma credetemi abbiamo dato veramente tutto… Qualcuno (parlo di qualche palianese) ci ha anche deriso perché non l’abbiamo portata a casa, ma sappiate una cosa noi dal 2 Settembre abbiamo girato la regione Lazio da Nord a Sud portando il nome di Paliano (non di Olevano) cucito sul petto… Abbiamo fatto parlare tutti del Paliano… Ci siamo fatti volere bene da tutti… Permettetemi di dire una cosa… Mi sono sentito più Palianese io di voi… E se la società vuole io personalmente porterò il nome di Paliano anche nel prossimo campionato…”.

Lascia un commento