Prima Categoria, Girone E – Torre Angela Acds, 27esima meraviglia di Federici: “Quest’anno il gol mi cerca»

Roma – Un altro risultato fondamentale per la Prima categoria del Torre Angela Acds che ha conquistato la 15esima vittoria (con due pareggi) nelle ultime 17 partite. Ieri mattina i ragazzi di mister Andrea Rubenni hanno avuto la meglio di misura (1-0) sul Setteville Caserosse, quarta forza del girone che aveva l’ultima possibilità di rientrare nei giri di vertice. A decidere il match, tanto per cambiare, è stato l’attaccante esterno classe 1995 Nico Federici, autore di uno splendido pallonetto che gli è valso il 27esimo sigillo di una stagione magnifica. “Un’annata incredibile a livello personale: di solito l’attaccante cerca il gol, quest’anno è il gol che cerca me” sorride la punta che proverà a toccare quota 30 nelle ultime due decisive partite del campionato del Torre Angela Acds. La squadra cara alla famiglia Ciani è attualmente seconda in classifica a due punti dal Certosa e ha allungato a +4 sullo Zena Montecelio terzo, fermato dall’Atletico Lodigiani sul pari. “Sapevamo che la partita di ieri sarebbe stato un altro snodo fondamentale, da affrontare tra l’altro senza il nostro giocatore più forte, ovvero lo squalificato Di Bari – sottolinea Federici – Abbiamo cominciato bene e sbloccato presto l’incontro, ma il Setteville ha fatto la sua partita e ha provato a metterci in difficoltà. Noi non siamo riusciti a chiuderla prima, ma alla fine siamo riusciti a portare a casa i tre punti che ci servivano e questa è l’unica cosa importante”.

Nel prossimo turno il Torre Angela Acds giocherà di nuovo in casa col Castelverde, mentre il Certosa sarà ospite di uno Zena Montecelio che potrebbe sentire il contraccolpo dell’ultimo pareggio. “Spero e credo che si giochino lo scontro diretto con orgoglio, mentre noi sappiamo che dovremo affrontare un’altra battaglia contro una formazione che è in lotta per evitare i play out. Il nostro obiettivo all’inizio della stagione era quello di centrare una tranquilla salvezza, ma ora siamo lassù e vogliamo giocarci le nostre carte al meglio. Dobbiamo fare sei punti e poi si vedrà…”.

Lascia un commento