Settore Giovanile – Il Campus Eur lavora bene tra i pali. Il prep. Ortame: “Stiamo raccogliendo, ora completiamo con la parte atletica”

Veni, vidi, vici. Giulio Cesare pronunciò questa celebre frase dopo aver espugnato l’esercito del Ponto nel lontano 47 a.C. E le sue parole sembrano riecheggiare ancora oggi, millenni dopo, nella sua amata Roma, in particolar modo a Lungotevere Dante, nella tana di un vorace Campus Eur. Questo weekend è stato infatti un trionfo: 6 battaglie, altrettante vittorie.

Un en plein quello di questo fine settimana dunque che dimostra il grande lavoro che staff, società e ragazzi stanno facendo giorno dopo giorno senza risparmiarsi. In tutto questo vi è un dato particolarmente interessante. Delle 6 vittorie 3 sono avvenute senza subire goal e sono solo 4 le reti prese in totale. Oltre alla grande prestazione in fase offensiva, dunque, è stata praticamente impeccabile anche la difesa. Non potevamo non sentire allora Riccardo Ortame, ovvero chi, nella nostra società, si occupa di chi, in fase difensiva, fa reparto a sé spesso tenendo il peso della difesa da solo, sulle proprie spalle: il portiere: “Sono contento dei risultati che si stanno avendo” –ha esordito – ”Stiamo infatti raccogliendo i frutti del lavoro svolto in precedenza. Finora abbiamo infatti lavorato molto sulla parte tecnica tralasciando magari quella atletica. I vari portieri sono migliorati tanto in questo e ora è arrivato il momento di lavorare sulla parte atletica per essere completi”.

Ha poi voluto sottolineare: “In tal senso a me piace molto far lavorare i portieri con i piedi, anche perché il calcio moderno lo richiede. Un portiere se sa giocare anche con i piedi diventa un giocatore aggiunto”. Ha dunque voluto parlare dell’aspetto mentale: “Inoltre il lavoro va svolto molto da un punto di vista psicologico. I ragazzi devono essere forti perché fanno reparto da soli e il portiere deve sostenere questo peso sulle proprie spalle, anche perché spesso è il primo ad essere attaccato ingiustamente quando si prende gol”.

Area Comunicazione Campus Eur

Lascia un commento