Promozione, Girone A – La Vigor Acquapendente risponde due volte all’Aranova

Polisportiva Vigor Acquapendente – ASD Aranova 2-2

(PRIMO TEMPO 1-1)

POLISPORTIVA VIGOR ACQUAPENDENTE: Calzà, Finocchi (9° st Viviani), Fanelli, Frosinini, Bellacima, Avola, Broccatelli (34° st Di Giacomo), Colonnelli, Isla Cacciavillani, Zagarella (20° st Saleppico), Verri (23° st Nuccioni)

A DISPOSIZIONE: Perri, Coccetti, Bartoccini, Menci

ALLENATORE: Fatone

ASD ARANOVA: Ceccucci, Urbani, Monfreda, Mancini, De Maio, Tartaglione, La Ruffa, Savarino (12° st Corridoni), Italiano (23 st Rosati), Filippi (48° st Giustini), Moretti (36° st Zanella)

A DISPOSIZIONE: Commandini, Simoni, Gritta, Morasca

ALLENATORE: Bernardini

ARBITRO: Marco di Loreto Comitato di Terni, assistente 1 Marco D’Ottavio di Roma 2, assitente 2 Paolo Camilli di Roma 1

MARCATORI: 6° pt Mancini (AA), 28° pt Dante Cacciavillani (PVA), 6° st Moretti (AA), 39° st Bellacima (PVA)

NOTE: Espulsi 40° st Corridoni (AA) con rosso diretto per proteste, 45 st° La Ruffa (AA) con rosso diretto per fallo di reazione, 47° st il Tecnico Aranova Bernardini per proteste. Ammoniti 20° pt Colonnelli (PVA) 38° st Mancini (AA)

Ne vinti ne vincitori. Ma soprattutto per entrambe percorso sempre più tortuoso per raggiungere la zona play-off. Il vibante match si apre al 6° con il vantaggio dell’Aranova (pregevole acrobazia in semirovesciata di Mancini su azione di calcio d’angolo). I capitolini giustificano un grande inizio con le conclusioni di La Ruffa ed Italiano La Vigor impatta con un colpo di testa di Isla Cacciavillani al 28° (perfetta punizione di Zagarella). Ma và negli spogliatoi con il rammarico di non aver centrato un vantaggio assolutamente meritato. Tre limpide occasioni da goal: due conclusioni a lato di Frosinini e palo interno di Fanelli su staffilata dalla distanza al 42°. Ancora il numero sei come portafortuna capitolino. Allo stesso minuto della ripresa arriva infatti il nuovo vantaggio di Moretti che sorprende ancora i viterbesi. Italiano e Moretti non finalizzano le occasioni per chiudere il match ed a sei minuti dalle fine arriva il pareggio Vigor. Punizione Vigor del difensore Viviani deviata dalla barriera. Pallone come flipper impazzito che finisce sui piedi del difensore Bellacima che la mette nel sacco Inutile capannello ospite intorno a guardalinee ed arbitro che dopo un breve colloquio confermano la rete ritenendo il marcatore in posizione regolare. Il sentirsi penalizzati per la non annullamento marcatura per fuorigioco diventa una sorta di arma a doppio taglio per gli ospiti. Arrivano infatti strascichi di nervosimo e tre espulsi: al 40° Corridoni per proteste ritenute eccessivamente vibranti dopo il goal, La Ruffa per fallo di reazione a centrocampo al 45 ed, infine, due minuti dopo il Tecnico Bernardini per proteste.

Giordano Sugaroni

Lascia un commento