Eccellenza, Girone B – PC Tor Sapienza, Anselmi chiede rispetto: “Noi sminuiti? Continueremo a dimostrare a tutti che si stanno sbagliando”

La fuga della Pro Calcio Tor Sapienza è stata rallentata dal gol nel recupero della Virtus Nettuno, domenica scorsa, ma il secondo turno in casa consecutivo darà ai gialloverdi una ghiotta opportunità di allungare in un turno di campionato ricco di scontri diretti.

Mentre al Comunale si affronteranno Audace e Pomezia, seconda e terza forza del campionato, al Castelli la Pro Calcio attende l’Ottavia, che staziona al quarto posto in campionato.

La posta in palio è alta ed i romani sono avversario da prendere con le molle. Mister Fabrizio Anselmi ne è consapevole: «L’Ottavia è un’ottima squadra, che ha alcune grandi individualità come Rocchi e Leonardi, che già all’andata fece un gran gol contro di noi.

Sappiamo che domenica dovremo dare il massimo, ma io sono fiducioso. Dopo un periodo di appannamento, stiamo ritrovando il gioco e l’intensità che ci ha contraddistinto per gran parte della stagione – sottolinea l’ex capitano del Sassuolo, intervenuto in sala stampa nel prepartita.

Nonostante il pareggio, contro la Virtus Nettuno ho rivisto per almeno un’ora la squadra che nel girone di andata si è conquistata il primo posto. Dobbiamo essere bravi a riproporre il nostro gioco stando sempre sul pezzo perché l’Ottavia ha delle individualità importanti che possono farti male in ogni momento».

La Pro Calcio dovrà dimostrare ancora una volta a tutti i particolari che l’hanno resa capolista, offrire quelle forti motivazioni che non devono mai mancare a chi sta inseguendo un obiettivo da protagonista.

Il perché è presto detto: «Tutte le settimane leggo sui giornali e ascolto in televisione dei giudizi e dei commenti su di noi che spesso ci sminuiscono. Sono felice di sentire che chi ci sta inseguendo, invece del Tor Sapienza, si preoccupi delle squadre che hanno almeno 10 punti di ritardo sul primo posto. È curioso, sicuramente – sottolinea Anselmi.

Credo che un briciolo di rispetto in più per un gruppo che ha messo tutti dietro con il gioco e la continuità sarebbe dovuto, ma finché ci sarà questa mancanza di rispetto dovremo dimostrare a tutti che si stanno sbagliando. Tutto ciò deve darci la carica e spronarci a fare ancora meglio.

Sappiamo che il nostro obiettivo è difficile e stare in testa adesso non vuol dire che arriveremo primi, c’è ancora molto da fare, ma noi vogliamo rimanere davanti anche per smentire i giudizi di chi non porta rispetto a quello che stiamo facendo » conclude l’ex difensore professionista.

Ufficio Stampa PC Tor Sapienza

Lascia un commento