Lega Pro, Girone C – Viterbese, prova di maturità. Sottili e Camilli a tutto tondo: “Rosa forte per puntare a tutto. Errore imperdonabili sottovalutare la Paganese”

Passeggiando per Viterbo ci si può imbattere nella statua di un gigante che emerge dal prato di Valle Faul. Si tratta di ‘The awakening’ (in italiano ‘Il risveglio’), installazione di Steward Johnson, composta da cinque elementi e che simboleggia ilrisveglio dell’essere umano e delle coscienze. Piero Camilli non è un artista ma in un certo senso ha riprodotto l’opera dell’artista americano a un chilometro e mezzo di distanza, precisamente all’Enrico Rocchi.

Anche la Viterbese, infatti, così come il gigante di Valle Faul, si è risvegliata. Con l’imprenditore di Grotte di Castro alla guida del club la squadra è passata dall’Eccellenza laziale alla serie C nel giro di tre stagioni. Ha vinto un trofeo importante come lo scudetto di serie D e ne ha sfiorato un altro ancor più prestigioso, quella coppa Italia di serie C andata all’Alessandria tra mille polemiche e una direzione arbitrale altamente discutibile, specialmente nel ritorno del 25 aprile (il direttore di gara di allora, tale Manuel Volpi di Arezzo, è stato prontamente promosso in Can B ma questo è un altro discorso). In cinque anni e mezzo di gestione il presidente onorario gialloblù ha donato quella stabilità che a Viterbo mancava da decenni e che in serie C, dove punti di penalizzazione e fallimenti sono all’ordine del giorno, appare come un lusso.

Presidente, tra tante società a rischio la più penalizzata in questa stagione è stata la Viterbese, che invece ha i conti in regola.
“Ci hanno massacrato. Quando vedo che al nostro posto ci sono società come Cuneo, Piacenza e altre che non pagano gli stipendi mi rendo conto di quanto questo mondo faccia schifo. E’ una cosa ignobile e qualcuno dovrebbe vergognarsi”.

Come regalo di fine anno preferirebbe un buon mercato di gennaio o meno infortuni in vista dei tanti recuperi?
“La squadra è forte così com’è. Preferirei meno infortuni e ovviamente più punti”.

Quindi nella sessione invernale di calciomercato ci saranno pochi movimenti?
“Niente acquisti. Come ho già detto la squadra è forte ed è un peccato che si facciano 800 spettatori a domenica. Ci sarà comunque qualche cessione”.

Tra circa un mese ci sarà la sfida alla Ternana in coppa Italia. La Viterbese ci punta?
Certo. Abbiamo una rosa costruita per puntare a tutto. Vedremo alla fine cosa saremo riusciti a fare e dove arriveremo”.

Se per assurdo la Viterbese arrivasse in finale di coppa non ci sarebbe spazio per giocare tutti i recuperi prima di maggio…
“Esatto. Siamo in mano a incompetenti. Bastava ripescare in serie B chi di dovere invece hanno fatto questo casino. In serie C salteranno almeno quattro o cinque squadre e il campionato con tutte queste situazioni è falsato. Un disastro”.

Lo stadio, invece, sta subendo un grosso restyling.
“E’ sempre più bello. Stiamo investendo per metterlo a posto e sta diventando sempre più accogliente sia per noi che per gli ospiti”.

Sul sintetico al Pilastro, ha saputo più niente?
“Assolutamente no. Non so niente e nemmeno ci penso più. Quando mi diranno che è pronto ci andrò”.

Da un mese e mezzo è tornato Sottili e si iniziano a vedere i miglioramenti.
“Sì. E’ tornato Sottili ma anche i vecchi preparatori. Si vede il lavoro e l’impegno che ci stanno mettendo”.

Tornando alla Viterbese, dove potrà arrivare in questa stagione?
“Non lo so. Viviamo alla giornata. Non so nemmeno quanto resterò io. Inizio a essere stanco, vedremo”. (Samuele Sansonetti – Tusciaweb.eu)

 

C’è la voglia di continuare sulla strada intrapresa e allungare la striscia positiva di prestazioni e risultati. Ci aspetta una prova di maturità per approccio e voglia di fare. Sottovalutare la gara con la Paganese sarebbe un errore imperdonabile, quindi massimo rispetto per i nostri avversari. Abbiamo la consapevolezza che ci sarà da lottare sul campo per conquistare i tre punti, ma siamo consci che abbiamo le armi necessarie per vincere la partita”. Questa la dichiarazione di mister Stefano Sottili alla vigilia della gara contro la Paganese che si disputerà oggi 26 dicembre alle ore 17:30 allo Stadio Enrico Rocchi.

Lascia un commento