Seconda Categoria, Girone G – Il Pro Appio evita il ko a Roviano: pari al ‘Comunale’

Giornata di sole e gradevole al ‘Comunale’. Mister Nardoni disegna il Roviano con un 4 3 1 2 con Maurizi tra i pali, Folgori M. Rosati D. Folgori S. De Angelis, Folgori I. Lucidi E. Barba, Innocenzi G. tra le linee dietro alle punte Barone Guerra S. Il Roviano parte bene e gioca un primo tempo di buon livello. Buona circolazione di palla e manovra fluida, il Pro Appio sembra sbandare ma tiene botta. Il Roviano schiaccia gli avversari e Barone scalda le mani al portiere ospite con un bel bolide. Ospiti pericolosi su palla inattiva lambiscono il gol su una spizzata che coglie la retroguardia rovianese sorniona e qualche corner che Maurizi allontana dall’area. Il Roviano riprende in mano il gioco e arriva il vantaggio, Folgori I lavora bene il pallone sulla destra e serve Barone in area che arpiona con difficoltà ma poi sulla girata trova la deviazione del difensore aiuta il bomber e la palla si insacca. 1-0 Folgori M si infortuna e si va negli spogliatoi. Pronto Lucidi F per il cambio.

La ripresa si apre con gli ospiti più decisi e un Roviano meno vivace. Mr Nardoni mischia le carte e inserisce Battisti per Guerra per trovare più profondità e tenere su il pallone ma il Roviano fatica e gli ospiti ci credono. Folgori S. dolorante lascia il posto a Rosati L. I padroni di casa fanno fatica e subiscono il pareggio ospite con una triangolazione dal limite che si chiude e il tiro rasoterra che si chiude all’angolo dove Maurizi non arriva. 1-1 Il pareggio scuote i biancobluamaranto ma accade ben poco. Barone E. per Innocenzi e Guerra per Folgori I sono le ultime due carte di mr Nardoni.  Il Roviano trova due buone ripartenze che potevano essere sfruttate meglio e rischia di capitolare quando l’attaccante ospite si trova a tu per tu con Maurizi che lo ipnotizza e salva il risultato. Fine gara piccante con scaramucce in campo chiuse dal triplice fischio ma che regalano il rosso a Barba. Il Roviano perde una buona occasione di incamerare punti contro un avversario che non ha mai mollato ma che era nella potenzialità della banda biancobluamaranto. Le due settimane di stop hanno un po’ arrugginito gli ingranaggi della macchina rovianese e soprattutto nel secondo tempo il calo generale è stato evidente. Testa bassa e continuare a lavorare.

Area Comunicazione Roviano

Lascia un commento