Prima Categoria, Girone E – La perla di Giorgi danneggia l’Atl. Lodigiani. La Dinamo Roma se la gode

DINAMO ROMA-ATLETICO LODIGIANI 1-0

Dinamo Roma: Vulpiani, Fraternali, Coppetti (49’st Catalano), Cirilli, Resta, Barbara, D’Alessandro (27’st Ibrahim), Vella, Spano (36’st Cerrone), Giorgi (33’st Giannella), Pietripaoli (44’st Mangione).
A disp.: Paoletti, Holl, Bonarelli, Scuteri. All.: Paterniani.

Atletico Lodigiani: Pomponi, Di Ciaccia (1’st Cesaretti), Vizioli (12’st Colucci), Navarra, Perla, De Luca, Ciampi (23’st Morero), Laurenzi, Sandulli, Spina, Cenci.
A disp.: Reale, Giulitti, Ceci, Brogi, Pilone, Amendola. All.: Fiatti.

Arbitro: Franciosa (Ciampino).
Rete: 8’pt Giorgi (DR).
Espulsi: –
Ammoniti: Pietripaoli (DR), Giannella (DR), Resta (DR), Vella (DR), Sandulli (AL), e Cenci (AL).
Note: Spettatori 90. Giornata fredda e soleggiata.

All’Alberini di Colli Aniene la Dinamo Roma ospita l’Atletico Lodigiani alla verifica del suo stato di crisi già palesato nelle ultime due uscite (2-3 ad Albula e 0-0 casalingo col Castelverde) contro una Dinamo Roma rigenerata dai primi 3 punti della stagione conquistati sul campo della Magnitudo (1-0). Pronostico dunque per l’Atletico Lodigiani che recuperava anche i due attaccanti Cenci e Sandulli (12 gol in due in 7 partite) ma i padroni di casa hanno approcciato benissimo alla gara e dopo una punizione di Spina al 5′ dai 25 metri centrali parata a terra da Vulpiani ecco che con un pizzico di fortuna riescono a sbloccarla alla prima occasione: lancio lungo sulla sinistra al minuto 8 controllato proprio sulla linea dell’out da Pietropali, Di Ciaccia la prende con le mani convinto che fosse fuori ed ingenuamente concede una punizione agli avversari: calcia Giorgi ed il suo destro innocuo centrale viene inspiegabilmente smanacciato da Pomponi, forse abbagliato dal sole, nella propria porta con conseguente vantaggio della Dinamo. L’Atletico alza subito il baricentro ma si incomincia a capire fin da subito che non è la solita brillante squadra ammirata finora anche nelle sconfitte: troppi errori tecnici, poco movimento, autostima azzerata e nervosismo che offusca le capacità dei giocatori. Ci prova Sandulli al 14′ su assist in area di Navarra ma il suo destro è centrale e non crea preoccupazioni al portiere di casa. Al 22′ risponde la Dinamo con una veloce ripartenza, Pietripaoli entra in area sulla sinistra e prova il tiro da posizione defilata con Pomponi che respinge di piede. Al 40′ verticalizzazione immediata di Laurenzi che pesca Cenci in contropiede ma è provvidenziale Fraternali che riesce a recuperare e ribattere la conclusione della punta ospite ormai a tu per tu con Vulpiani. Al 45′ angolo di Spina dalla destra sul lato lungo dove Ciampi calcia al volo ma Resta sulla traiettoria devia di testa in angolo in seguito del quale Sandulli impatta di testa sul secondo palo ma invece di indirizzare in porta cerca l’assist con la difesa avversari che allontana.

Nel secondo tempo gli ospiti spingono sull’acceleratore ma la prima occasione è per Pietripaoli che al 6′ su un azione di contropiede
viene servito in area sulla sinistra da Giorgi ma il suo piatto destro è respinto sul primo palo da un attento Pomponi. E’ Sandulli al 14′ a controllare di petto al limite un perfetto assist di Spina, immediata conclusione in giravolta, ma il destro è troppo strozzato e Vulpiani para a terra comodamente alla sua destra. Clamorosa l’occasione ancora per Pietropaoli al 20′ su un cross rasoterra dalla destra di D’Alessandro che attraversa tutta l’area passando tra diversi giocatori, destro a giro a colpo sicuro sul palo lontano e miracolosa respinta di Perla che sventa il 2-0. Altrettanto miracoloso l’intervento di Vulpiani al 31′ che devia in angolo un punizione dal limite di Sandulli tra l’altro anche leggermente deviata e diretta sotto l’incrocio. Ancora una conclusione al 36′ con Spina che serve Sandulli su una punizione ma il destro è fuori sul primo palo, un sinistro abbondantemente fuori al 39′ di Cenci ai 20 metri centrali e un altra parata a terra di Vulpiani su mezza girata al volo di Morero da dentro l’area sul centro sinistra allontanata poi in angolo dai difensori di casa. Infine proteste a non finire al 44′ su una conclusione di Navarra da limite respinta con braccia staccate dal corpo da parte di Giannella con l’arbitro che lascia proseguire su un fallo apparso abbastanza evidente. Al triplice fischio la Dinamo Roma raccoglie la sua seconda vittoria consecutiva, forse un pari sarebbe stato più giusto, ma la squadra di mister Paterniani ha giocato con personalità e sacrificio e difeso con ordine e determinazione il vantaggio iniziale. Sono invece tanti i demeriti degli ospiti che andati sfortunatamente sotto non sono riusciti a proporre il solito calcio evidenziando un malessere psicologico che rende conseguentemente difficile anche i gesti tecnici più semplici, rendendo macchinosa una manovra solitamente fluida e veloce. Zero gol nelle ultime 2 partite dopo averne fatti 20 nelle prime 7 certificano la crisi dell’Atletico Lodigiani.

Lascia un commento