Seconda Categoria, Girone F – Il bello del calcio: l’Arco di Travertino perde, ma il gesto di fair-play rimane. Lomuscio: “Evidenziata grande lealtà sportiva”

Virtus Mole-Arco di Travertino 3-2

Bel gesto di fair play nel corso del match in questione all’Attilio Ferraris’ di Santa Maria delle Mole. Gli ospiti dell’Arco di Travertino hanno lasciato pareggiare gli avversari biancazzurri dopo un gol segnato con un avversario a terra. La possibilità resa ai padroni di casa di segnare indisturbati, dopo che i ragazzi di Lomuscio erano involontariamente passati in vantaggio, evidenzia la grande correttezza del team capitolino.

Così a fine gara mister Marcello Lomuscio. Il risultato finale – dinanzi ad un gesto del genere, passa quasi inosservato:

“La sconfitta di ieri pomeriggio non fa male. I miei ragazzi ne escono vittoriosi, hanno vinto sulla lealtà, sulla saggezza, sullo spirito della correttezza, su un calcio ormai malato dai settori giovanile alla Serie A. In vantaggio 1-2, ma complice uno scontro di gioco non fischiato dall’arbitro, nel quale un ragazzo avversario era rimasto a terra in uno scontro in volo con un nostro ragazzo, gli avversari si sono fermati, noi abbiamo segnato e l’arbitro ha convalidato. E qui avviene ciò che nessuno avrebbe mai fatto, palla a centrocampo, tutti fermi per far segnare l avversario, 2-2. Poi a 10′ dalla fine abbiamo subito il 3-2. ONORE AI RAGAZZI, che hanno mostrato grande responsabilità, grande lealtà sportiva in un calcio malato. Non sarà facile mandare giù i tre punti persi, ma ieri si è dimostrato l’essenza dell’esser uomini. Abbiamo comunque vinto, perché a vincere è stato lo sport”.

Lascia un commento