Seconda Categoria, Girone G – Salto dell’Atl. San Lorenzo, a Roviano si decide tutto nel primo tempo

Il Roviano perde nell’esordio casalingo contro l’Atletico San Lorenzo. 0-2 il risultato finale. Mister Nardoni disegna un Roviano più prudente con un 4 4 1 1 con Maurizi tra i pali, Folgori M. Rosati L. Rosati D. De Angelis in difesa, Guerra Innocenzi Barone Barba, Lucidi alle spalle di Barone. Il match inizia con l’emozionante posa del mazzo di fiori sotto la bandierina dell’indimenticabile Emo e il minuto di silenzio per lo scomparso Americo Brancazi, venuto a mancare in questi giorni, uno dei tanti presidenti che si sono succeduti alla guida del calcio rovianese. Spettacolo in tribuna dove le due tifoserie accompagnano le squadre in campo. Si parte in campo e il Roviano cerca subito di dare pressione, gli ospiti controllano e con ripartenze fulminee imbeccano il tridente offensivo sempre pronto a dare verticalizzazione e profondita. Su calcio piazzato il vantaggio ospite. Il cross dalla destra viene girato due volte di testa e sulla seconda la palla colpisce il volto di Folgori M. spiazzando Maurizi e depositandosi in rete. 0-1 Il Roviano prova a reagire ma non trova lo spunto giusto. Barone sgomita da solo e si fatica a tenere su il pallone. Il San Lorenzo offre buoni spunti e da uno di questi nasce il raddoppio. Sulla ripartenza il roviano si tronca in due la palla arriva in area e sulla sponda ad uscire arriva a rimorchio il giocatore ospite che gira in porta. Maurizi poco reattivo sul pallone non irresistibile che si infila in rete. 0-2 Il Roviano accusa il colpo. Su calcio piazzato potrebbe riaprire il match ma non si sfruttano al meglio.

Si va negli spogliatoi. Mister Nardoni lascia Barone E. negli spogliatoi e inserisce Folgori I. per trovare l’uomo tra le linee passando al 4 3 1 2 con Guerra e Barone terminali offensivi e Lucidi in cabina di regia davanti alla difesa. I biancobluamaranto sembrano più quadrati ma le occasioni arrivano col contagocce. Dentro Battisti per Guerra, Di Martino per Innocenzi e Bensala all’esordio per De Angelis. Il San Lorenzo cala nel finale e il Roviano prova il forcing ma non sfonda. Qualche mischia nel finale non trova la zampata vincente. Triplice fischio. Grande amarezza a fine partita. Il Roviano viene punito al primo errore come al solito e fatica a trovare un passo di giocoche possa mettere a frutto le buone potenzialità tecniche dei nostri attaccanti. San Lorenzo che ha sfruttato le uniche occasioni concesse e che nel secondo tempo non si è mai affacciata nell’area rovianese.

Area Comunicazione Roviano

Lascia un commento