Promozione, Girone C – Nessuno scappa, Atl. Lariano ed il De Rossi si prendono il punto

Pareggio giusto… Voglio cominciare proprio da questo per ribadire, a qualcuno che se lo fosse scordato, che le partite si giocano sul campo e non sulla teoria, il De Rossi è stato costruito all’ultimo istante per cercare di ottenere una salvezza non sofferta e tutte le partite che affronterà saranno passi, più o meno buoni, verso questo traguardo. Certo oggi incontravamo una squadra che, almeno in casa, era di sicuro alla portata, ma in Promozione se giochi al di sotto delle tue possibilità difficilmente riesci ad ottenere qualcosa di buono, se ci aggiungiamo poi che la davanti l’assenza di vere punte di ruoo sta diventando una costante, bisogna prendere per buono tutto quello che viene. Siamo quinti in classifica, con squadre molto più attrezzate della nostra dietro e soprattutto con una media punti più che valida perla salvezza. Domenica prossima andremo a far visita al Fiumicino capoclassifica di bomber Forcina e se non ci mettermo tutto quello che abbiamo, sarà difficile far risultato.

Nonostante la pioggia caduta nei giorni scorsi, anche oggi caldo estivo al Catena di Centocelle, Montella causa le defezioni di cui sopra non può schiodarsi dal suo 4-4-2 e stavolta chiamati a pungere la davanti sono Quadraccia e Moretti. Per il resto, difesa confermata da destra a sinistra con Bolletta, Liviello, Innocenti e Perugini, pallio del centrocampo affidato a Schiavon e Savaiano con Lalli e Angelucci cursori di fascia. Mister Di Franco mette molto bene la sua squadra, con una linea a 4 in difesa, praticamente fissa ed un centrocampo molto folto, pronto a lanciare negli spazi l’abile Raponi. Partenza sprint per i reds, schema su punizione, scambio Quadraccia-Angelucci, palla a Moretti che la serve in area per il puntuale inserimento di Bolletta che si ritrova solissimo davanti al portiere, la bandierina alzata dal guardalinee vanifica tutto, fuorigioco dubbio? Insiste il De Rossi con Moretti che prende palla a destra, rientra e dal limite calcia, a lato di poco. Risposta pericolosa del Lariano, Filitti si libera con mestiere e vincendo un rimpallo, tant’è che si ritrova solo appena dentro l’area e spara una gran botta che termina altissima, ignorando un compagno che aveva sulla sinistra che sicuramente poteva far molto meglio. Punizione leggermente defilata sulla destra dai 18mt, al tiro si porta Schiavon che prende la porta ma non imprime forza, la palla però non è trattenuta da Adinolfi e Angelucci non arriva di un soffio a ribadirla in porta. Segue una fase di ristagno e di lotta a centrocampo, al 24mo Innocenti innesca sulla destra Angelucci, l’esterno è abilissimo a mettere giù palla ed entrare in area dove viene chiuso in modo rude da un difensore che lo atterra, per il direttore di gara è tutto regolare. Un paio di minuti dopo Quadraccia calcia in area una punizione dalla destra, svetta Perugini di testa ma la palla termina oltre la traversa. A ridosso della mezz’ora però il Lariano ha la più ghiotta occasione del primo tempo, schema su una punizione dal lato sinistro, la difesa rimane imbambolata e Gambucci spara una gran fucilata dalla corta distanza, salvataggio disperato e miracoloso di un difensore davanti la parta fra una selva di gambe. Ancora Lariano poco dopo, stavolta con Raponi che sfrutta una indecisione fra Innocenti e Schiavon, entra in area e spara alle stelle, anch’egli molto egoista ignorando totalmente un altro compagno meglio piazzato. Il primo tempo si chiude con un’altra bella manovra del De Rossi, Quadraccia da sinistra la riversa in area sul secondo palo, Moretti non può colpire ma la recupera e la scarica indietro per Bolletta che crossa di prima intenzione nel cuore dell’area, vola Adinolfi e abbranca la sfera in bello stile.

La squadra di casa prova a compattarsi durante l’intervallo e parte con una buona convinzione alla ripresa delle ostilità. 2° minuto, Quadraccia appoggia lateralmente al limite per Moretti che scaglia un gran tiro, Adinolfi vola e la devia in angolo. Subito dopo è ancora Moretti, il più attivo dei suoi, a provarci, parte ancora da destra e si accentra, la sua conclusione stavolta è rasoterra e a fil di palo ma il portiere ospite si protende in tuffo e gli dice ancora di no. Montella butta nella mischia Tomassini, all’esordio in Campionato dopo un lunghissimo stop, per cercare di dare maggiore velocità e pericolosità alla manovra. Passano pochi minuti e il folletto della Caffarella potrebe subito sbloccare la partita; gran giocata di Savaiano che pesca col contagiri Lalli sulla sinistra, discesa e palla in mezzo per l’accorrente Tomassini che calcia subito e Adinolfi ancora una volta si esalta deviando sopra la traversa. Il Lariano fa densità a centrocampo e il De Rossi non riesce a sfondare neanche sulle fasce, si lotta ma senza ottenere spunti significativi anche se, da un innocuo calcio d’angolo poco prima dellla mezz’ora, Vita perde il controllo della presa e per poco non si combina la frittata, la difesa si salva con affanno e fortuna. Rispondono i ragazzi di Roma con Tomassini che scende sulla destra e la mette in mezzo alta, stacca Innocenti che è puntuale all’impatto ma la alza troppo. Al 36° l’episodio che poteva cambiare la partita, Cannone servito ottimamente in area, viene letteralmente falciato sotto gli occhi dell’arbitro che mette subito il fischietto alla bocca ma poi… Per qualche strano motivo ci ripensa, scatenando le proteste dei giocatori locali. Le proteste poi si protraggono anche 5 minuti dopo quando da un cross dalla sinistra, la palla viene messa giù di mano da un difensore del Lariano, ancora una volta, ed era la terza, il direttore di gara non vede o decide di non vedere. Il forcing del De Rossi seppur non asfissiante è costante, ed in una partita che era stata sostanzialmente corretta, Filitti al 40mo si produce in un fallaccio a centrocampo che ovviamente viene punito col rosso. Ci si apetta un finale infuocato dentro l’area dei visitatori ma invece l’ultima occasione, la più clamorosa della partita, capita in pieno recupero a Raponi che partito in sospetta posizione di fuori gioco, si ritrova da solo al limite contro Vita e la tira a lato sfiorando il palo.

Termina così la partita, complimenti al Lariano e piccola spia di attenzione per il De Rossi che deve trovare la forza della calma, il Campionato è lunghissimo, siamo partiti benissimo e dobbiamo solo trovare maggiore convinzione nei nostri mezzi, che restano  comunque importanti.

Ufficio Stampa De Rossi

Lascia un commento