Promozione, Girone C – Vis Sezze, basta un solo urlo. Pescatori Ostia liquidata

Le grandi squadre, quelle attrezzate per dimostrarsi competitive nel corso di un intero campionato, non spiccano solo per le vittorie ma, soprattutto, da come queste vengono ottenute. Ne é un lampante esempio la vittoria odierna della Vis Sezze per 1-0, ottenuta contro il Pescatori Ostia, squadra certamente non irresistibile, ma tonica e determinata a vender cara la pelle.
Su un campo appesantito dalle piogge di ieri, i leoni di mister Catanzani sono riusciti a conquistare i tre punti, grazie al gol di Antonucci – quest’oggi in grande spolvero – e a un’egregia prestazione corale, costruita con lucidità e gran spirito di abnegazione. Dopo il turnover sfruttato mercoledì in Coppa Italia contro la Lupa Frascati, Catanzani si affida nuovamente ai titolarissimi: rientra Severa, al posto di Dell’Aguzzo – bisognoso di ritrovare la giusta forma fisica, ma con la giusta cautela -, mentre Drogheo e Compagno completano il centrocampo, assieme a Dall’Armi; attacco al veleno per i rossoblù, con il tridente Antonucci, Carlini – stavolta schierato titolare – e Spila. La Vis parte forte come spesso accade, provando ad agguantare il vantaggio già al 6’ pt con Spila, che non riesce a segnare da due passi, facendosi deviare il tiro in angolo. Al 9’ pt é il turno di Bucciarelli, che spacca la traversa con un colpo di testa su calcio d’angolo: un gesto che avrebbe meritato ben altra fortuna. Vantaggio che la Vis non riesce a concretizzare nemmeno un minuto dopo, con Carlini, che manca il bersaglio di pochi centimetri, su punizione, la specialità della casa. Il Pescatori Ostia si racchiude a centrocampo, cercando di arginare le incursioni dei rossoblù, senza però provare a costruire azioni degne di nota per impensierire Micheli. E, al 23’ pt, gli ospiti perdono uno dei perni della squadra, Fusco, infortunatosi e costretto a lasciare il campo prematuramente. Il match sembra bloccato, con le due squadre impegnate a battersi soprattutto nella zona di centrocampo, su un terreno affatto agevole; le due formazioni si affrontano con decisione, in un confronto più fisico che tattico ma, alla lunga, la maggior qualità tecnica della Vis permette ai setini di abbattere il muro giallonero: al 31’ pt, infatti, Antonucci scatta sul limite del fuorigioco, servito splendidamente con un filtrante, per poi battere il numero uno avversario, Mariani, con un infallibile piattone destro. Palla all’angolino basso e vantaggio Vis. Primo tempo che scivola verso la conclusione, senza ulteriori aneddoti da ricordare, tranne che per un tentativo di Atturi – il più velenoso tra gli attaccanti del Pescatori Ostia – che prova a sorprendere Micheli con un rasoterra dal limite dell’area, dopo esser stato servito direttamente da calcio d’angolo: palla a lato di poco e brivido premonitore per i ragazzi di Catanzani.

Il Pescatori Ostia non sembra voler arrendersi prima del dovuto e, difatti, l’inizio del secondo tempo porta con sé qualche spavento di troppo per i setini: prima Sesta, al 3’ st, conclude con un traversone sbilenco un’azione insistita e nata da una lieve disattenzione della difesa della Vis; poi ci prova ancora Atturi al 14’ st, scoccando un destro a giro, troppo debole e mal calibrato. Nel frattempo, Catanzani sostituisce Carlini con Dell’Aguzzo, per trovare la giusta copertura e riequilibrare il sistema di gioco. La Vis risfodera gli artigli al 15’ st, con un tiro al volo di Spila, che finisce alto sopra la traversa. Poi, al 19’ st, arriva la più ghiotta delle occasioni per il raddoppio: Antonucci é reattivo e aggancia con rapidità un lancio corto, per poi provare un destro in estensione; sarebbe stato un gol magnifico, se solo Mariani non fosse intervenuto con prontezza per spedire la sfera in angolo. In un clima umido e opprimente, tutto il secondo tempo viene continuamente spezzettato da sostituzioni e qualche fallo tattico di troppo a centrocampo, zona in cui si concentra l’arcigno duello tra le due formazioni, affrontato, in alcuni frangenti, con poca lucidità; sono poche le azioni in grado di creare pericoli consistenti ai due portieri, mentre spetta ad ambo le difese mantenere equilibrio. É una sfida per gladiatori Vis Sezze – Pescatori Ostia e, purtroppo, a lungo andare lo spettacolo ne risente più del dovuto; ma é la Vis a mantenere il vantaggio e sarà così fino al termine della gara. Solo al 42’ st si riacutizza il pericolo per il Pescatori Ostia, per un colpo di testa troppo alto di Formato su calcio d’angolo, mentre al 49’ st il Pescatori Ostia prova ad agguantare il pareggio, con un gran destro di Marzi, che prova a sorprendere Micheli, ma il tiro si spegna sul fondo, seppur di poco.

Serviva ottenere altri tre punti, dopo la vittoria di mercoledì in Coppa Italia. Punti che riaccendono il sorriso sui volti dei ragazzi di mister Catanzani, che salgono a quota dieci in classifica – in compagnia del Fonte Meravigliosa. Luiss e Fiumicino svettano a sedici punti.
Ora bisogna trovare quella continuità necessaria per infondere la giusta fiducia nei propri mezzi. Già da domenica prossima contro il Paolocco, avversario davvero ostico, che aspetta a undici punti.  In un campionato equilibrato e destinato a riservare molte sorprese, vittorie così valgono più di eclatanti goleade.

Lascia un commento