Promozione – Vis Sezze, prima la salvezza e poi… Catanzani: “Ho una rosa di una certa importanza, spero che gli avversari arrivino ad aver timore di noi”

Sono trascorse poco più di due settimane dall’inizio del raduno che vede la Vis Sezze in preparazione per la stagione calcistica 2018/2019, che prenderà ufficialmente il via il prossimo 2 settembre. Dopo il piazzamento in nona posizione in classifica, conquistato nella precedente stagione, i ragazzi allenati da mister Flavio Catanzani hanno mostrato fin da subito una feroce determinazione e la giusta concentrazione negli allenamenti, desiderosi di far valere le proprie qualità fin dall’esordio in campionato; allo zoccolo duro della rosa, si stanno pian piano aggregando i nuovi acquisti del direttore sportivo Fabrizio Di Emma, attivissimo sul mercato, a cui va dato merito di aver integrato la rosa con innesti di alta qualità, di comune accordo con mister Catanzani.

La serenità e l’abnegazione del gruppo traspaiono limpidamente a ogni allenamento, suscitando grande soddisfazione soprattutto nello stesso Catanzani, che ci ha tenuto a sottolineare il duro lavoro che i suoi ragazzi stanno svolgendo quotidianamente, doveroso premio ai movimenti e alla programmazione di una società intenzionata a vivere la prossima stagione senza alcun rimpianto. «Quella che mi é stata messa a disposizione é una rosa costruita con logica e con precisi ideali, grazie a un eccezionale lavoro svolto della società e mi riferisco in special modo alle figure del presidente Marco Gaeta e del direttore sportivo Fabrizio Di Emma che, gli va dato merito, é riuscito ad acquistare calciatori che non era affatto facile accaparrarsi, perché rispetto allo scorso anno sono scesi di categoria. Posso affermare di avere tra le mani una rosa di una certa importanza, composta da elementi dediti alla cultura del lavoro».

Catanzani é un fiume in piena quando parla dei suoi ragazzi, dei quali apprezza il granitico spirito di partecipazione agli allenamenti: «I ragazzi si sono messi a disposizione fin da subito e, nonostante in questi primi quindici giorni di lavoro si siano alternati carichi di lavoro differenti, spesso pesanti, sono contentissimo del responso degli allenamenti. A oggi, quel che mi interessa maggiormente é cercare di costruire un qualcosa che entri a far parte del nostro dna di squadra e mi riferisco alla nostra propensione di gioco e a una certa fisionomia tattica e mentale, che sono fattori fondamentali per la costruzione di un gruppo di calciatori che sappia davvero affrontare ogni sfida con il piglio giusto; voglio che i miei ragazzi acquisiscano la determinazione di saper soffrire per raggiungere gli obiettivi che ci prefisseremo». Nonostante la preparazione sia ancora in corso e il mercato aperto a ogni opportunità da cogliere, Catanzani resta sereno e si gode l’affiatamento dimostrato dai suoi in quest’inizio: «Il gruppo é ben assortito e i ragazzi sono molto affiatati e, a oggi, noto un piacevole e sano spirito di competizione tra loro. Tuttavia sono sicuro che la società sarà prontissima a cogliere qualche altra opportunità sul mercato, per perfezionare ulteriormente la rosa…»

Fiero della forza dei propri ideali calcistici e sicuro che i suoi ragazzi assimileranno presto i suoi dettami, mister Catanzani, che conosce ormai bene la piazza di Sezze, riserva i giusti meriti anche allo staff tecnico con il quale condivide impressioni e progettualità giorno per giorno, in un clima di serena collaborazione e assoluta trasparenza: «Mi trovo molto bene qui a Sezze e lo dimostra anche la mia permanenza per questa nuova stagione; con lo staff tecnico, soprattutto con il direttore sportivo Fabrizio Di Emma, il vice-allenatore Simone Mazzarella e il preparatore dei portieri Mirko Corsi, c’è grande affiatamento e dialogo. Ci sentiamo tutti i giorni e, attualmente, non potrei desiderare di più; siamo fiduciosi e vogliosi di iniziare questa nuova stagione con il piglio giusto».

Infine, Catanzani si sofferma sugli obiettivi stagionali e sul desiderio di imporre il nome della Vis Sezze nei pensieri delle avversarie e ci riesce senza alcuna spavalderia, ma con garbo e consapevolezza dei propri mezzi: «Dobbiamo cogliere la salvezza il prima possibile per poter vedere fin dove possiamo spingerci… Il gruppo che ho a disposizione é giovane e questo mi rende fiero, perché abbiamo il dovere di costruire e fortificare quella che sarà la struttura anche futura della Vis Sezze. Non mi sono fatto idee particolari su nessun’altra formazione, perchè sono uno che è abituato a guardare in casa propria; spero, anzi, che gli altri si siano fatti e si faranno una certa idea su di noi, sulle enormi potenzialità di questo gruppo… Spero che gli altri arrivino ad aver timore di affrontarci. Dal canto nostro ci dovrà essere sicuramente massimo impegno, per poter affrontare la stagione in maniera altamente competitiva. E io credo moltissimo in questo gruppo».

Tutto chiaro, mister. Siamo con lei e con i suoi ragazzi.

Area Comunicazione Vis Sezze

Lascia un commento