Serie D – Cassino, primi parziali bilanci per Urbano: la fase offensiva già convince

Bene la fase di costruzione, meno quella difensiva. Ovviamente questo dato, specie per la difesa, deve tener conto della differenza di categoria con le formazioni incontrate e del loro più avanzato stato di preparazione. Depurato questo, tuttavia, rimane la sensazione nitida che Urbano ed il Cassino debbano lavorare ancora parecchio sulla fase di non possesso, intesa come squadra. Brack e Mannone appaiono ancora in ritardo di condizione e per questo non sembrano essere giudicabili al momento, già più in palla è apparso Nocerino che ha garantito più reattività, concretezza e meno fronzoli in retroguardia.

Un altro elemento che accomuna le prestazioni con Pro Piacenza e Salernitana è stato lo stato confusionale nel quale è caduta la formazione delle Città Martire dopo aver incassato il primo gol: se con gli emiliani i tre gol sono maturati dal 24’ al 27’, non troppo meglio è andata coi campani dove il Cassino ne ha presi altrettanti in 16 minuti per effetto delle marcature di Bellomo (doppietta) e Orlando dal minuto 10 al minuto 26. Urbano è chiamato ad intervenire. Decisamente meglio la fase di costruzione: Prisco si sta riscoprendo trascinatore silenzioso e generoso. Oltre ai gol spicca la sua generosità che si sposa bene con il fiuto di Marcheggiani col quale comunque si cerca ancora l’intesa migliore. E non potrebbe essere altrimenti. Le continue verticalizzazioni di Tirelli e Carcione armano la progressione degli avanti che si sono dimostrati non solo abili nel corpo a corpo ma anche pure nello spazio.

Progressi consistenti ce li si aspettano già da domenica prossima, nel test con i pari categoria della Turris, il quale sarà, forse, l’appuntamento meno affascinate ma sicuramente più significativo del trittico di amichevoli di questa parte di stagione.

Simone Tescione – Cassinoinforma.it

Lascia un commento