LAZIALI D’ESPORTAZIONE Lega Pro – Pisa, Filippini si augura il riscatto: “La mia migliore stagione tra i pro. Alla Lazio mancata l’opportunità…”

Sono tanti i ragazzi della nostra regione sparsi per l’Italia e all’estero. Laziali d’esportazione, rubrica di Lazioingol.it, punta a riavvicinarli idealmente a casa, indagando circa le nuove abitudini, i nuovi usi e costumi. Il nuovo modo d’intendere e di vedere il football, lontano dal rassicurante focolare domestico.

Tra i protagonisti della Lazio Primavera che nel 2013 conquistò lo scudetto ai danni dell’Atalanta, c’era anche Lorenzo Filippini. Classe 1995, ha giocato l’ultima stagione al Pisa. Il suo cartellino è ancora di proprietà della Lazio, con cui ha un contratto fino al 2020, ma, come ha spiegato a Radio Incontro Olympia, il suo futuro difficilmente sarà in biancoceleste: “A livello personale è stata la mia migliore stagione da quando sono tra i professionisti. C’è molto rammarico per i play-off, mi dispiace molto. Futuro? Il Pisa non ha l’obbligo di riscatto ma un diritto di riscatto che la società può esercitare. Al momento dovrei tornare alla Lazio, però qui sono stato benissimo e se il Pisa volesse riscattarmi ne sarei felice. Non penso che troverei spazio alla Lazio, quindi per me sarebbe bello anche rimanere qui, in una piazza importante, con un pubblico caloroso. In un’altra squadra, la nostra Primavera avrebbe avuto tutt’altra carriera. Abbiamo battuto l’Atalanta di Caldara, Conti e Gagliardini in finale scudetto. A 18 anni puoi sempre migliorare, e noi non eravamo proprio gli ultimi, abbiamo vinto tutto quell’anno. Altri giocatori in altre società hanno avuto delle opportunità che noi invece non abbiamo avuto. Dispiace perché ci tenevamo molto a quella maglia, sarebbe stato un sogno per tutti andare in prima squadra”.

Lascia un commento