Lega Pro, Girone C – Racing, patron Pezone precisa: “A Fondi non resto”. Poi sulle voci di corridoio…

Silenzio, parla Antonio Pezone. Le dichiarazioni rilasciate dal patron del Racing Fondi al collega de Ilmessaggero.it appaiono chiarificatrici circa la situazione che aleggia in casa rossoblù, dopo la retrocessione. Pezone, tra l’altro, si toglie qualche sassolino circa presunte voci di corridoio riguardo la sua posizione:

«A Fondi non resto, se c’è qualcuno che ha intenzione di subentrare alla guida della società si faccia avanti. Sono pronto a cederla. Altrimenti chiudo la società, come ho già fatto con la Racing Roma. In Lega Pro non superavamo alla stadio le cinquanta presenze, in serie D non riuscirei nemmeno a sostenere le spese del custode, se c’è qualcuno disposto al subentro, lo ripeto, io sono qui. Il futuro? Per ora è con il settore giovanile della Racing, che mi regala tante soddisfazioni. Terracina? Non c’è stato nessun contatto diretto, il diesse Morrone ha ricevuto la telefonata di un dirigente dei tigrotti, pertanto non ci sono stati sviluppi. Quanto al Latina è vero che sono stato in città, ma per chiudere i conti del convitto dei ragazzi e dopo quanto accaduto lo scorso anno è difficile iniziare un rapporto. Il resto sono solo chiacchiere. Con l’Aprilia c’è un progetto, delle collaborazioni  per valorizzare i giovani del Racing che possono giocare il Serie D che attualmente sono in prestito  a società di mezza Italia. Prossimo anno in D? Mai dire mai, anche se la situazione è quella descritta».

Lascia un commento