UFFICIALE Serie D, Girone G – Ostiamare, Bellini ha deciso: “Proverò esperienza fuori regione, ma tornerò da protagonista…”

Siamo a fine stagione e, a campionato concluso, è tempo di bilanci ma anche di scelte, da compiere in vista della prossima stagione. Il bilancio, nel caso odierno, è sicuramente positivo, perchè umanamente e tecnicamente, ma anche per grinta, determinazione e sacrificio alla causa lidense, Ringhio ha regalato grandi emozioni in quella mediana biancoviola, ma qui, in questa nostra intervista, parliamo di altro. Parliamo della voglia di Cristian Bellini, centrocampista classe ’93, reduce da due meravigliose stagioni colorate di biancoviola alla corte di Alfonso Greco, di provare un’esperienza professionale fuori regione, per una crescita personale, per mettersi alla prova lontano dall’ambiente nel quale è cresciuto, che ama e amerà sempre e che lo ritroverà protagonista un giorno.

 

Cristian, allora, raccontaci come è maturata questa decisione, immaginiamo, sofferta, per il tuo profondo amore verso Ostia e l’ Ostiamare:

Beh, è una decisione maturata nel tempo, dopo una grande riflessione. A volte senti dentro delle sensazioni che non puoi respingere, se non momentaneamente. Ma poi diventano sempre più forti e prendono il sopravvento. La scelta non è stata facile, perchè come tutti sapete Ostia è casa mia, così come i colori dell’Ostiamare con i quali sono cresciuto e che ho riabbracciato dopo le esperienze lontano dall’Anco Marzio. Vorrei provarci, però, a 24 anni, provare a fare un’esperienza fuori regione, per mettere me stesso alla prova”

Immaginiamo che ne avrai parlato con i tuoi compagni di tante “battaglie”. Raccontaci come ha reagito lo spogliatoio a questa notizia: 

Si, il primo a saperlo è stato il capitano, Adriano D’Astolfo, poi ne ho parlato con gli altri miei compagni. Mi sono subito confrontato con lui, soprattutto per il grande rapporto che ci lega, non solo in campo ma anche fuori come amici. Sicuramente è dispiaciuto ma ha capito che, alla mia età, c’è una voglia incredibile di fare questa esperienza, d’inseguire un sogno. Lui ha capito il discorso, ha mostrato grande umanità e comprensione, rivelandosi ancora una volta quella persona fantastica e fondamentale per tutti noi”

Cosa ti mancherà di più dell’ Ostiamare? 

Mi mancherà tutto. E’ difficile descrivere in una parola cosa mi mancherà. Ogni momento vissuto insieme ai compagni, dal momento dell’arrivo al centro sportivo, a tutte le volte che si è usciti dal campo con la maglietta sudata. Mi mancheranno tutte le persone che ho conosciuto e apprezzato in questi due anni. Però mi sono detto “Se vuoi qualcosa che non hai, devi fare qualcosa che non hai mai fatto” e allora sono pronto a provarci. Con tutto me stesso. Ma un giorno tornerò a essere protagonista a Ostia, e sono felice che abbiano capito il mio discorso il Presidente e il Direttore Quadraccia, che ringrazio fortemente per avermi accolto come un figlio”.

Ma sicuramente i ringraziamenti e i saluti non finiscono certamente qui. 

“No. Vorrei ringraziare tutti i compagni, in primis. Ringrazio mister Greco, per i due anni trascorsi insieme ad un mister bravo e preparato come lui, per la stima reciproca, Bucciarelli, il Prof. Zeppetella, Tonino Davì, Adel e tutti, compresi Arun e Ananda, i nostri mitici magazzinieri. Ringrazio davvero tutti, compreso naturalmente l’Ufficio Stampa, per l’affetto riservato al sottoscritto in questi anni. Un pensiero finale lo riservo ai tifosi, che mi hanno sempre sostenuto con affetto e passione. Spero che continueranno a tifare Ostia con quell’energia e amore sempre mostrato a questi fantastici colori. Io proverò a rincorrere un sogno, tifando sempre Ostia. Forza Ostiamare”

Riccardo Troiani – Ufficio Stampa Ostiamare Lidocalcio 

Lascia un commento