ESCLUSIVA Promozione, Girone A – Montefiascone, D’Alessio parla da veterano: “Si poteva fare di più, ma la rosa corta…”

Uno sguardo al campionato trascorso, a Montefiascone si ragiona a bocce ferme. La stagione si è chiusa con il pareggio casalingo contro la Vigor Acquapendente, tra rammarico e consapevolezza di un futuro da costruire su una base buona. L’impegno da parte della rosa allenata da Luciano Siddi – che ha già salutato il club di patron Minciotti – non è mai mancato, nonostante il piazzamento finale, in ritardo di 12 punti dalla zona play-off. Per avere una fotografia dell’annata, la redazione di Lazioingol.it ha intercettato in esclusiva il centrocampista classe ’99 Marco D’Alessio, cogliendo le impressioni del giovane di casa Montefiascone. Uno dei più positivi tra le fila dei gialloverdi, di sicuro uno dei più continui.

E’ stata la stagione del ritorno a Montefiascone. Cosa ti ha convinto ad accettare la proposta del club gialloverde? “La cosa che più mi ha spinto a tornare a Montefiascone sono stati i miei sei anni trascorsi qui, dove ho vinto anche un campionato Giovanissimi. Quando sono stato chiamato ho avuto un colloquio con mister Siddi, nel quale ho capito che puntava tanto su di me e infatti così é stato, lo dimostra il fatto che sono stato sempre presente in tutte e 34 le partite di campionato”.

 
Avete chiuso al settimo posto. Credi si poteva fare qualcosa in più in ottica play-off? “Sicuramente si poteva fare molto di più. Purtroppo ci sono stati tanti problemi e durante la stagione abbiamo perso diversi giocatori, chi per motivi lavorativi e chi per altro, rimanendo a fine stagione con una rosa contata. Il nostro livello di squadra era molto competitivo e lo abbiamo dimostrato su tutti i campi, giocando la partita alla pari con tutti e mostrando un buon calcio”.
 
Come ti sei trovato alle dipendenze di mister Siddi? Soddisfatto del minutaggio che ti è stato concesso? “Mi sono trovato molto bene e posso ritenermi soddisfatto della crescita personale e per questo voglio ringraziare personalmente il mister, che mi ha insegnato molto. Per quanto riguarda il minutaggio sono soddisfattissimo, sono stato uno dei giocatori più impiegati durante la stagion, ho realizzato due reti, saltando zero allenamenti. L’unico rammarico è la Rappresentativa regionale, dove sono stato pre-convocato per 5 raduni e poi all’ultimo sono stato escluso, dopo aver creduto di essere ormai tra i 20 convocati. Però queste delusioni mi danno ancora più stimolo e forza per continuare la mia crescita”.
 
Fiumicino e Ronciglione hanno staccato il pass per la post season. Cosa hanno avuto in più di voi le compagini di Ceccarelli ed Oroni? “In più non hanno avuto nulla, se guardiamo le partite disputate contro entrambe le squadre. Purtroppo, tornando a bomba, il discorso della rosa corta e dei molteplici infortuni hanno fatto la differenza e la partita giocata a Fiumicino ne è la dimostrazione. Al ‘Desideri’ abbiamo vinto due a zero senza concedere nulla ai quotati avversari…”
 
Fase di stallo questa. Cosa ti riserva il futuro? Ancora Montefiascone all’orizzonte? “Per ora il Montefiascone è al primo posto, però é ancora presto per prendere decisioni definitive… Terminata la lunga stagione, ora il mio unico pensiero è riposarmi e divertirmi”.

Lascia un commento