ESCLUSIVA Promozione, Girone A – Ottavia, Amoroso si gode il trionfo: “Felici di aver portato questo club per la prima volta in Eccellenza”

Nella giornata odierna abbiamo avuto la possibilità di rivolgere alcune domande a Gioacchino Amoroso, esperto difensore dell’Ottavia già intervistato da noi nei mesi scorsi, sull’incredibile campionato disputato dalla sua compagine, partita per ottenere un piazzamento importante nella prima metà della classifica e resasi poi protagonista di un’inaspettata cavalcata che l’ha portata a dominare fin dall’inizio il proprio girone, imponendosi su formazioni più blasonate e candidate alla vittoria finale come Ronciglione United, Fiumicino e Compagnia Portuale Civitavecchia.

Con il calciatore biancoverde abbiamo discusso di questa esaltante stagione vissuta dalla squadra capitolina, delle sue impressioni sul campionato appena conclusosi, del futuro di questa bellissima realtà e, infine, delle sue ambizioni personali per il prosieguo della sua carriera.

Di seguito, ecco le parole a noi rilasciate dal forte difensore romano:

 

Buongiorno Gioacchino, è un piacere poterti intervistare di nuovo. Raccontaci un po’ di questa entusiasmante cavalcata dell’Ottavia, culminata con la conquista del primo posto la storica ed incredibile promozione in Eccellenza. Ad inizio stagione non erano questi i piani societari vero?

“Buongiorno a te Roberto. Sì è stata una cavalcata vincente sotto tutti i punti di vista, siamo addirittura riusciti a portare l’Ottavia nel massimo campionato regionale per la prima volta. I piani societari erano quelli di fare un campionato da vertice centrando almeno i play-off, poi visti i risultati la dirigenza ha rinforzato la rosa per poter puntare alla vittoria finale”.

 

Come giudichi il livello del campionato che vi ha visto protagonisti fin dalla prima giornata?

“Beh devo dire che è stato davvero un bel campionato dove fino alla fine tutte le squadre lottavano per qualcosa, vedi zone play-off e play-out, e vedi anche le finaliste della Coppa, entrambe del girone A di Promozione. Come dicevo, un campionato di buon livello”.

 

Credi che la classifica finale rispecchi davvero quello che era il valore di ogni formazione, sia in testa che in coda?

“Secondo me si, anche se qualche squadra poteva fare di più”.

 

Quale è stato il momento della stagione in cui avete capito che potevate farcela?

“Non credo ci sia stato un momento in particolare, entravamo in campo sempre con la voglia di divertirci e ovviamente portare a casa i 3 punti. Poi il vantaggio di 7 lunghezze sulla seconda ci “garantiva” una certa sicurezza in caso di qualche passo falso da parte nostra”.

 

C’è qualcuno in particolare che vorresti ringraziare o a cui vorresti dedicare questo inaspettato ma bellissimo traguardo raggiunto?

“Oddio così mi metti in difficoltà (ride). Ringrazio tutti faccio prima”.

 

Per quanto riguarda il futuro, dopo questa meravigliosa impresa, dove credi che possa arrivare una società sana ed ambiziosa come l’Ottavia?

“Credo farà bene nel tempo. E’ una società seria con un programma alle spalle, come poche se ne vedono in giro oggi”.

 

Per quanto riguarda te invece, hai particolari ambizioni che vorresti vedere realizzata nel breve e nel lungo periodo?

“Sì, vorrei soltanto continuare a divertirmi con questo sport”.

Foto – Mauro Topini

Lascia un commento