Juniores Provinciali – Roma VIII, Felaco: “Bella vittoria a Lunghezza, il prossimo anno resto qui”

Roma – Torna a sorridere la Juniores provinciale della Roma VIII che domenica prossima (calcio di inizio alle ore 9 prima del match interno della Prima categoria contro la Nuova Paliano, questo rigorosamente a porte chiuso) disputerà il suo ultimo match di campionato in casa contro il Castelverde. Nel turno infrasettimanale di mercoledì i ragazzi di mister Daniele Polletta hanno violato con un rotondo 3-0 il campo del Lunghezza. «Una vittoria meritata anche se non è stata una partita semplice – dice il difensore centrale classe 1999 Pasquale Felaco – Siamo passati molto presto in vantaggio con Albarino, poi ha raddoppiato Capasso prima dell’intervallo. Abbiamo concesso davvero poco all’avversario e noi abbiamo colpito in maniera molto cinica quando ci è stata data l’opportunità, nonostante si giocasse su un campo di terra reso molto pesante dalla pioggia. Nella ripresa, nonostante la mia espulsione per doppio giallo, abbiamo triplicato i conti col gol di Garcia».

Il cartellino rosso è sicuramente una macchia nella buona partita di Felaco che, tra l’altro, indossava per la prima volta la fascia di capitano. «Non me l’aspettavo, il mister me lo ha comunicato poco prima della partita e mi ha chiesto di trascinare il gruppo. Avrei preferito terminare senza l’espulsione (che tra l’altro gli farà saltare anche l’ultima partita di campionato col Castelverde, ndr), ma sono comunque contento che la squadra abbia portato a casa questa vittoria. Ora vogliamo chiudere in bellezza cercando di prenderci la piccola soddisfazione di concludere questo campionato tormentato con una doppia vittoria consecutiva per dimostrare che non meritiamo l’attuale classifica». Sul futuro Felaco non ha dubbi. «Resterò qui perché mi trovo benissimo con mister Polletta che ormai mi allena da sei anni. E’ stato lui a trovarmi il ruolo di difensore centrale e grazie a lui sono cresciuto tanto anche dal punto di vista caratteriale. E’ un allenatore preparato che sa costruire un rapporto speciale col suo gruppo e infatti la squadra lo stima e lo apprezza».

Lascia un commento