Juniores Regionali C – Petriana, stagione al capolinea. Ma la cavalcata dei ragazzi di De Baggis rimane…

C’erano quasi, sono arrivati ad un passo dalla gloria. La Petriana ha reso speciale questa stagione calcistica con una cavalcata bellissima, fatta di tanti alti e pochi bassi. Poi, purtroppo, nel momento decisivo, è venuto a mancare quel qualcosa che avrebbe permesso il salto di categoria. Due partite maledette, che in realtà dipendono entrambe da un infinito tempo di recupero nell’ultima partita della stagione. I ragazzi guidati da mister De Baggis erano in vantaggio 1-2 sul campo del Neorizon Acquacetosa ad un minuto dalla fine. La gara era stata molto nervosa, ben giocata dai gialloblu nel primo tempo, un po’ meno nella ripresa.  Tutto comunque sembrava preannunciare una vittoria, la quale, vista la classifica, avrebbe visto vincere il girone alla Petriana. E’ il minuto 50 quando l’arbitro concede un calcio di punizione da sinistra. La difesa è schierata, le marcature sono strette, sembra tutto perfetto per riuscire a mettere fuori anche quest’ultimo pallone, e poi esultare tutti insieme. L’esterno d’attacco del Neorizon, Gabriele, calcia a giro sul palo di Barillaro, il quale viene sorpreso e battuto dalla strana traiettoria. Arriva il 2-2 che rimanda tutto allo spareggio con il Palocco, in campo neutro, al Francesca Gianni. Nello spareggio tutta la partita viene mal giocata dai nostri e lo stesso Palocco si impone per 3-1. Ci sarebbero i play-off, ma la squadra è scarica e non riesce a superare neanche il primo turno disputato contro l’Atletico Monteporzio. Sembra l’epilogo più triste possibile, calcisticamente parlando, ma è importante parlare di altro. Nonostante infatti non sia arrivata la promozione, la squadra intera, a partire dal mister, passando per i giocatori, finendo allo staff tecnico, è stata meravigliosa.

Tutto è cominciato il 24 di agosto, con la presentazione e tutto è stato di gran lunga più grande delle iniziali aspettative. A partire da mister Flavio, alla prima vera esperienza come allenatore, il quale ha sicuramente visto crescere una creatura plasmata giorno dopo giorno, allenamento dopo allenamento. “Mi piace che i ragazzi giochino palla a terra perché bisogna, al di là del voler cercare la vittoria, divertirsi giocando bene“, diceva il mister ad inizio stagione. Un desiderio espresso e ampiamente realizzato. E poi i ragazzi: “La nostra amicizia continua anche fuori dal campo ed è proprio questo il punto di forza. Quest’anno con i nuovi arrivati possiamo fare davvero un ottimo campionato” dicevano con tanto entusiasmo tutti in coro. Un entusiasmo che è stato portato fino alla fine, che ha contraddistinto questa squadra e che ha aiutato a rimanere uniti nei momenti difficili. Un gruppo unito, sempre composto, che ha saputo accettare le sconfitte (quasi sempre, ma nello sport ci sta il nervosismo dopo una sconfitta), che ha dato tanto a tutti quelli che l’hanno seguito e che ha anche fatto vedere un bel calcio. La Juniores chiude il campionato al secondo posto, con 57 gol segnati (secondo miglior attacco con il Palocco) e 21 subiti (seconda miglior difesa). Conclude con due sconfitte sole nella regular season, entrambe contro la bestia nera Palocco. E’ tutto questo che ci fa dire: comunque è stata una stagione meravigliosa! Il prossimo anno si ripartirà con maggiore esperienza, con maggiore consapevolezza e sapendo di essere i favoriti per fare il salto di categorie.

Ufficio Stampa Petriana Calcio

Lascia un commento