ESCLUSIVA Prima Categoria, Girone C – Scandriglia, la felicità di Mevoli: “Partiti per centrare la salvezza, ma abbiamo dimostrato di meritare la vetta”

Nella mattinata odierna abbiamo avuto l’occasione di rivolgere alcune domande ad Omar Mevoli, esperto attaccante in forze allo Scandriglia, sulla stagione fin qui disputata dalla sua squadra, partita con l’obiettivo di centrare una tranquilla salvezza e trovatasi invece ad occupare la vetta della classifica con 45 punti a +6 sulla seconda, il ben più quotato ad inizio campionato Colle Salario.

Con il calciatore amaranto abbiamo discusso dell’ultima brillante vittoria ottenuta sul campo del Velinia ancora in lotta per la salvezza diretta nonostante la classifica deficitaria, della prossima delicata gara che vedrà gli scandrigliesi opposti tra le mura amiche al Grotti, altra formazione a caccia di pesanti punti in chiave salvezza e infine della situazione creatasi all’interno del girone, con la squadra reatina lanciata verso la Promozione, ma con Passo Corese e Settebagni Calcio Salario alla finestra, decise a non mollare la presa.

Di seguito, ecco le parole a noi rilasciate dal forte centravanti milanese:

 

Buongiorno Omar e grazie per aver trovato un po’ di tempo per rispondere alle nostre domande. Da quante stagioni indossi la maglia dello Scandriglia?

“Buongiorno Roberto e grazie a te per l’intervista, è sempre un piacere trovare del tempo per queste cose. Questa è la mia seconda stagione con la maglia dello Scandriglia”.

 

Gli obiettivi stagionali della società sembrano piuttosto chiari, la dirigenza ha allestito una squadra per poter competere per la vittoria di questo campionato. Pensi che, a lungo andare, potreste avere la forza fisica e mentale necessaria a mantenere l’attuale ritmo fino al termine della stagione?

“L’obiettivo iniziale era quello di centrare una salvezza tranquilla e avvicinarsi alle prime posizioni per provare a centrare la vittoria l’anno prossimo. Non siamo partiti con l’obiettivo di vincere il campionato per tanti motivi, non abbiamo speso un budget elevato come altre società, siamo una squadra rivoluzionata rispetto a quella dell’anno scorso e in più siamo anche una neo promossa, ma abbiamo dimostrato sul campo di meritarci il primo posto, non so se riusciremo a mantenerlo fino alla fine del campionato, non di certo per una questione di forza fisica o mentale, ma il campionato è lungo ed è molto difficile, di un livello molto alto, ci sono molte inseguitrici attrezzate e forti. Noi ce la metteremo tutta!”

 

Nell’ultimo turno siete riusciti ad avere la meglio a domicilio del Velinia, squadra in lotta per la salvezza che ha venduto molto cara la pelle. Quali convinzioni vi ha dato questo importantissimo successo per il prosieguo del vostro campionato?

“È stata una partita molto dura contro una squadra giovane ma con delle buone individualità, dove si esprimono al meglio in casa. Infatti molte squadre su quel campo hanno lasciato punti pesanti, le convinzioni che ci ha lasciato questa partita sono le stesse che ci hanno lasciato tutte le altre partite, le squadre che ci affronteranno venderanno cara la pelle e noi dobbiamo sempre dare il massimo fino all’ultimo minuto dell’ultima partita del campionato. Inoltre la nostra convinzione più grande, è quella che siamo una squadra che non molla mai”.

 

La prossima gara vi vedrà invece impegnati tra le mura amiche contro il Grotti, altra formazione a caccia di preziosi punti salvezza. Quali insidie nasconde questo match e come fare per evitarle?

“Le insidie sono sempre le stesse quando sei la prima della classe, tutte vogliono fermarti e danno il massimo per fare bella figura, quindi noi dobbiamo essere ogni domenica sempre più bravi, continuando a far bene appunto anche nella gara contro il Grotti”.

 

A tuo giudizio, oltre a voi, quali squadre possono rientrare nella lotta per il primato?

“Le squadre che oltre a noi lottano per il campionato sono Passo Corese, San Basilio che a mio avviso esprime un ottimo calcio, Settebagni e Capradosso”.

 

Tra tutte le squadre affrontate finora, ce n’è stata qualcuna in grado di impressionarti particolarmente?

“Come espressione di gioco mi ha impressionato molto il San Basilio, sapevo che sarebbero risaliti e che avrebbero lottato per i primi posti. Poi mi ha fatto una buona impressione il Passo Corese, che a mio parere ha una rosa molto competitiva, forse la più completa del girone”.

 

A livello personale, hai qualche particolare ambizione che vorresti vedere realizzata nel breve e nel lungo periodo?

“La mia più grande ambizione oggi è vincere il campionato, poi se riuscirò a vincere la classifica cannonieri sarà un’ulteriore soddisfazione, ma quello che conta è il campionato”.

Foto – Rietilife

Lascia un commento