ESCLUSIVA Promozione, Girone B – Maglianese, Giuliani fissa l’obiettivo: “Saremo soddisfatti soltanto a salvezza matematicamente raggiunta”

ESCLUSIVA Promozione, Girone B - Maglianese, Giuliani fissa l'obiettivo: "Saremo soddisfatti soltanto a salvezza matematicamente raggiunta"

Nella mattinata odierna abbiamo avuto l’occasione di rivolgere alcune domande a Fabio Giuliani, giovane centravanti classe ’92 in forze alla Maglianese, sull’attuale momento attraversato dalla squadra che staziona nella zona medio-alta della graduatoria con 38 punti, lontana sì dalla zona play-off, ma anche abbastanza al sicuro da spiacevoli sorprese per quel che concerne le posizioni sottostanti.

Con il calciatore giallorosso abbiamo discusso dell’ultima importantissima vittoria esterna ottenuta insieme ai suoi compagni sul difficile campo del Licenza, del prossimo, delicato impegno che vedrà i maglianesi impegnati tra le mura amiche contro il Sant’Angelo Romano a caccia di punti per inserirsi nella corsa ai play-off e, infine, dell’attuale scenario all’interno del girone, che ha cambiato nuovamente volto dopo la sconfitta a domicilio patita da un Vicovaro apparso ultimamente in difficoltà nello scontro diretto con la Pro Roma, lanciatasi grazie a questo successo all’inseguimento solitario della capolista Villalba, vittoriosa anch’essa con un netto 3-0 casalingo ai danni del Salto Cicolano.

Di seguito, ecco le parole a noi rilasciate dal forte attaccante nazzanese:

 

Buongiorno Fabio e grazie per aver trovato un po’ di tempo per rispondere alle nostre domande. Da quante stagioni indossi la maglia della Maglianese?

“Buongiorno Roberto. Indosso con grande felicità la maglia dell’Asd Maglianese da ben due stagioni”.

 

Finora avete disputato un ottimo campionato, infatti vi trovate in una posizione di classifica medio-alta, lontani sì dalle primissime piazze, ma anche ben al riparo da spiacevoli sorprese. Vi ritenete soddisfatti di quanto fatto fino a questo momento, oppure avreste potuto occupare una posizione con maggiori prospettive?

“Fin da inizio stagione il nostro obiettivo era raggiungere la salvezza, ma fino alla sosta natalizia ci siamo ritrovati addirittura al secondo posto un po’ inaspettatamente. Poi abbiamo avuto un calo e soprattutto fuori casa non riuscivamo a portare a casa la vittoria, forse dovuto anche al fatto che siamo una squadra molto giovane e magari ci è mancata un po d’esperienza. Siamo soddisfatti a metà perché forse, ad oggi, potevamo occupare una posizione migliore se non avessimo regalato qualche punto di troppo. Per il resto, saremo soddisfatti del tutto una volta raggiunta la matematica salvezza”.

 

Nell’ultimo turno disputato ieri avete avuto la meglio a domicilio del Licenza, formazione invischiata nella lotta per la salvezza. Quali convinzioni vi ha dato questo importantissimo successo per il prosieguo del campionato?

“Questo successo importantissimo ci ha dato la convinzione che siamo un’ottima squadra se lottiamo tutti insieme e che, fino alla fine del campionato, possiamo divertirci e fare bene”.

 

La prossima gara vi vedrà invece ospitare un Sant’Angelo Romano in cerca di punti per tentare di agguantare la zona play-off in questo rush finale. Quali insidie nasconde questo match e come fare per evitarle?

“Per quanto mi riguarda ogni partita nasconde insidie, sia se giochi con la prima della classe, sia con l’ultima. Posso solo dire che in settimana prepareremo la partita di domenica nel migliore dei modi, cercando poi di fare risultato per avvicinare sempre di più il nostro obiettivo”.

 

A tuo giudizio, guardando ad oggi la classifica del campionato, quali sono le squadre con maggiori probabilità di arrivare fino in fondo e lottare per la vittoria finale?

“Sicuramente sarà una bella sfida tra Villalba e Pro Roma. Giocano tutte e due un buon calcio, anche se a mio parere il Villalba ha un qualcosa in più che potrà fare la differenza a fine stagione”.

 

Tra tutte le formazioni affrontate finora, ce n’è stata qualcuna in grado di impressionarti particolarmente?

“Sicuramente il Villalba in casa imposta un bel gioco e si nota la sua superiorità, però non so dirti se lo stesso vale anche fuori casa perché ancora non l’abbiamo incontrata”.

 

A livello personale, c’è qualche particolare ambizione che vorresti vedere realizzata nel breve e nel lungo periodo?

“Ammetto che quest’anno sono stato abbastanza sfortunato a livello di infortuni visto che mi hanno tenuto fuori dal campo per ben quattro mesi. Ora che sono rientrato vorrei aiutare la squadra con i miei gol e magari essere anche un po’ più fortunato. Per quanto riguarda il futuro non lo so, mi farebbe piacere continuare a far bene con questa maglia, poi chi lo sa”…

Lascia un commento