Casilina calcio (I cat.), la carica di Ferraro: «Qui c’è un bel gruppo, ci salveremo tranquillamente»

Roma – Un “falso nueve” che segna come un attaccante. E’ un momento molto positivo per Luca Ferraro, centrocampista classe 1992 che il tecnico del Casilina Tiberio Baroni ha trasformato in punta con ottimi risultati: tre gol nelle ultime tre gare, l’ultimo dei quali ha contribuito al successo sul difficile campo della Novauto Roma per 3-1. «Il mister mi conosce da quindici anni e io mi adatto tranquillamente a fare tutti i tipi di ruolo – sottolinea Ferraro – In questo momento servo davanti e mi sono messo a disposizione della squadra». Il giocatore parla più nello specifico del successo di domenica scorsa che è stato letteralmente “liberatorio” (è arrivato dopo sette sconfitte consecutive) e ha consentito al Casilina di scavalcare lo Sporting Torbellamonaca e di uscire dalla zona rossa dell’eventuale play out. «Siamo andati in vantaggio nel primo tempo proprio con un mio gol e così siamo arrivati fino all’intervallo. Poi a inizio ripresa è arrivato un calcio di rigore con cui i padroni di casa hanno trovato il pareggio e a quel punto ho temuto che subissimo il contraccolpo come accaduto già altre volte in precedenza, invece abbiamo saputo reagire bene e abbiamo portato a casa il successo con i gol di Sangermano e Luzzi. Una vittoria importante, al di là del mio gol sono contento per la squadra, per il mister e per i dirigenti che ci sono sempre vicini». Al di là delle voci che erano uscite ultimamente, la Prima categoria del Casilina non dovrebbe subire variazioni in questa finestra di dicembre. «Siamo un bel gruppo e c’è voglia di tirarsi fuori da questa situazione di classifica al più presto – rimarca Ferraro – A questo punto è abbastanza complicato rientrare in discorsi di vertice, ma sono convinto che ci salveremo tranquillamente e che potremo anche divertirci». Nel prossimo turno, intanto, sarà importante dare continuità al successo con la Novauto: al De Fonseca arriverà la Luditur settima della classe. «Sono fiducioso, faremo bene anche domenica» conclude Ferraro.

Lascia un commento