FALLIMENTO MONDIALE – Fiumicino, patron Munaretto: “La colpa è di tutti. Nei dilettanti son ben nascosti i talenti di una volta…”

Italia eliminata, mancata la partecipazione al prossimo Mondiale di Russia. Una figura magrissima, un fallimento condiviso da una nazione intera. Dal basso, verso l’alto. Dalle serie minori fino a giungere ai vertici federali. È la sconfitta di tutti, l’implosione di un movimento intero.

Va giù duro il numero 1 del Fiumicino Simone Munaretto, compagine blasonata di Promozione che proprio in questa stagione ha basato sui giovani il proprio progetto di crescita. Questo il commento social del Presidente:

“Può essere che sbaglio, ma dico la mia. Nei dilettanti, in qualche campo sconosciuto, sono ben nascosti i Baggio, i Totti e tutti i talenti di una volta, che magari non hanno avuto i soldi per pagare il convitto in una squadra pro, che sono stati scartati perché alti 1.65 m., che non hanno avuto spazio a favore dello straniero di turno che permette di esportare in modo legale qualche soldo. Ma la colpa, oltre alla Federazione, è di tutti noi che domenica andremo di corsa a vedere un derby di pippe, basta che non siano italiani. Io non lo vedo da anni e domenica neanche, voi che farete? Ancora la Serie A!?”

Lascia un commento