FALLIMENTO MONDIALE – Atletico 2000, mister Antonini: “La Figc concede il patentino un po’ a chiunque…”

Italia eliminata, mancata la partecipazione al prossimo Mondiale di Russia. Una figura magrissima, un fallimento condiviso da una nazione intera. Dal basso, verso l’alto. Dalle serie minori fino a giungere ai vertici federali. È la sconfitta di tutti, l’implosione di un movimento intero.

Lo scorso anno ha portato la Cavese in Eccellenza vincendo i play off, quest’anno è ripartito dalla Promozione, sposando la giovane causa Atletico 2000. In campo insegnava calcio, Fabrizio Antonini. Oggi cerca di spiegarlo, comunicando anche attraverso il proprio profilo social. Chapeau

“Tre anni fa decisi di lasciare il calcio e ho fatto il corso di Allenatore Uefa b per la modica cifra di 708 euro. Ricordo bene una cosa però, compilando i fogli di ammissione al corso, i punti da raggiungere per aver l’idoneità per partecipare al corso, oltre che dalla carriera calcistica, venivano presi e addirittura più alti se
eri laureato in generale, laureato a Scienze Motorie o diplomato. 
Allora mi sono chiesto se avevo stampato i fogli per fare il preparatore atletico… Poi ricordo bene che il primo giorno l’istruttore ci fece una domanda ben precisa: “In futuro chi avreste voglia di allenare, grandi o piccoli?”. Dal momento che tu, rappresentante della Figc, fai questa domanda, sarebbe obbligatorio che quelli che hanno risposto “piccoli” vengano presi immediatamente e portati sul campo per dimostrazioni di palleggio, calcio, stop. Come dimostrano un esercizio a un bambino, con quale intensità effettuano un allenamento. Dico questo perché quando poi abbiamo fatto pratica in mezzo al campo c’erano persone che avrebbero voluto in futuro allenare bambini, che tiravano il pallone e lo bucavano, perché lo prendevano con la punta, stoppavano il pallone e lo lisciavano… I bambini sono spugne, più gli fai vedere l’esercizio, facendolo in maniera corretta non a chiacchiere ma dimostrandolo, più loro recepiscono e di conseguenza migliorano.

Io me la prendo anche con le società che pagano 150/200 euro prendendo istruttori che allenano con il marsupio, la tracolla, scarpe non adatte, senza fischietto. Morale:

-che il problema stia a monte, ossia la Figc che pure che sei incapace ad allenare a dimostrare, ma sei laureato ti danno il patentino così intascano i 708€.

– che dovete essere umili nel capire che non potete fare questo mestiere.

– che non dovete stare nel mondo del calcio ma guardarlo solamente oppure guardare i mondiali di freccette che fanno su Sky.

Ps: io al macellaio non gli dico come si taglia la carne”.

Lascia un commento